Utente 335XXX
Nel mese di agosto, giocando a calcetto, mi sono procurato una microfrattura del malleolo tibiale destro (accertata con risonanza magnetica). Ho aperto la procedura con la mia assicurazione per il risarcimento. Adesso dovrei spedire il certificato medico che identifica la percentuale di invalidità permanente. Mi chiedo innanzitutto se questo certificato può farlo il mio ortopedico oppure se devo farlo fare ad un medico legale, i costi di una tale certificazione fatta dal medico legale ed infine qual'è la percentuale di invalidità associata alla lesione in questione. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

sono necessarie delle precisazioni al Suo quesito.

Se l'evento lesivo che Lei ha subìto è un infortunio, coperto da un'assicurazione privata, la procedura per l'erogazione di un indennizzo (non risarcimento) è contenuta nella polizza che Lei ha sottoscritto, in cui sono precisate anche le tabelle a cui far riferimento per la valutazione dell'invalidità permanente.

La certificazione che Lei deve produrre può essere rilasciata anche dallo specialista ortopedico (a meno di diverse previsioni nella polizza), al momento della stabilizzazione clinica delle lesioni.

La percentuale di invalidità permanente viene stimata sulla base dei postumi residuati (i quali sono valutabili solamente mediante visita diretta), e con riferimento ai criteri ed alle tabelle indicate in polizza (INAIL od ANIA, a seconda dei casi).

I costi delle certificazioni medico-legali variano in funzione della complessità del caso: può orientativamente consultare il tariffario del Sindacato SISMLA al seguente link: http://www.sismla.eu/?id=tariffario
ed in particolare alla lettera C) dello stesso.

Tenga presente che spesso le assicurazioni private per infortunio prevedono una "franchigia", ovverosia un limite minimo di percentuale indennizzabile.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]