Utente 369XXX
Nel 2009 sono rimasto coinvolto in un incidente automobilistico mentre mi recavo a lavoro e - per le conseguenze di questo - sono stato costretto a rimanere in malattia fino alla fine del 2010

L'Inail, riconoscendo l'infortunio in itinere, ha erogato le prestazioni:

A) Durante il periodo di malattia: il 75% della retribuzione (tramite il datore di lavoro) per un importo di circa 50.000 euro

B) Durante il periodo di malattia: spese di riabilitazione e strumenti ortopedici per circa 700 euro

C) A guarigione ottenuta: un vitalizio di circa 400 euro/mese riconoscendo un'invalidità permanente del 21%.

Contestualmente, ho citato in giudizio l'assicurazione della controparte che, nel frattempo, è fallita e quindi mi ritrovo in giudizio con una terza assicurazione in rappresentanza del fondo vittime della strada.

Qualche mese fa ho ricevuto una raccomandata dall'Inail che mi evidenzia che - hai sensi dell'articolo 1916 cod.civ. - l'istituto è surrogato nei miei diritti verso il responsabile sino alla concorrenza delle prestazioni dovute ai sensi di legge invitandomi ad astenermi dallo stipulare accordi con il presunto responsabile senza l'intervento dell'istituto

Su quale delle succitate prestazioni (A, B, C) l'Inail può ottenere rimborso delle spese sostenute ? Se anche il vitalizio fosse incluso, come si calcola l'importo a favore Inail ?

Infine, nel caso sia riconosciuta dal tribunale responsabilità paritetica (la dinamica dell'incidente è piuttosto complessa) e il rimborso non sia in grado di coprire tutte le spese sostenute dall'Inail, dovrò subentrare io per coprire la parte rimasta scoperta ?

Grazie anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
20% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Buonasera,

l'Inail effettua sempre questo tipo di rivalsa, il quesito però è specifico ed è di tipo amministrativo-giuridico. Le suggerisco di rivolgersi ad un Patronato.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona