Utente 378XXX
Buon Giorno, vorrei dei chiarimenti riguardo la valutazione Inail, riguardo ai danni permanenti, a seguito di un infortunio sul lavoro.
Diagnosi: TRAUMA DA SCHIACCIAMENTO PRIMO DITO MANO DX CON PDS PULPARE

L'11 Febbraio scorso, sono stato sottoposto ad intervento chirurgico, consistente nella ricostruzione del polpastrello con lembo di avanzamento neurovascolare ad isola omodigitale sec. O'Brien mod. Elliot integrato da innesto cutaneo a tutto spessore, prelevato dall',avambraccio omolaterale e nel posizionamento di unghia in silicone.
All', ultimo controllo , fatto ieri 14/04/215, risulta che le ferite sono asciutte e pulite,Decorso regolare; ipomobilita' articolare F1-F2 attiva del I dito, passivamente migliore condizione clinica.
Mi e' stato prescritto fkt volta al recupero dell'articolarita', Ho eseguito un primo ciclo a mie spese, confidando nel rimborso Inail, che invece non mi e' stato approvato.
Sono tutt'ora in infortunio e la prossima visita Inail e' prevista tra 6 gg.
Ora le mie domande sono due:
La fisioterapia, dato che e' volta al recupero della funzionalita' del dito, perche' non dovrebbe essere riconoscitua dall' Inail? ( anche perche' abbastanza dispendiosa per le mie tasche, visto il lungo periodo)

Riguardo a quanto descritto quale pensa possa essere il danno permanente, e in che misura liquidato dall'Inail (anche se in modo approssimativo?), naturalmente riferito alle percentuali di invalidata' e non alla monetizzazione, che comprendo non sia il Vs campo.
Ringraziando anticipatamente porgo
Distinti saluti

[#1] dopo  
Prof. Pietro Rinella

24% attività
8% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
E' facile che possa non esserci alcun diritto al risarcimento. Purtuttavia resta sempre opportuno far rilevare l'effettiva disfunzionalità ad un medico-legale
Prof. Pietro Rinella