Utente 332XXX
Gentili dottori,

ho 30 anni e sono epilettico. Un anno e mezzo fa sono stato ricoverato presso una struttura per sottopormi a un Video EEG Dinamico. Poiché questa struttura è lontana dalla città in cui vivo, dopo le dimissioni, ho deciso sin da subito di essere seguito da medici della mia città. Attualmente, i miei medici curanti, per poter modificare e migliorare il trattamento farmacologico e posologico, desiderano visionare la mia cartella clinica e in particolare il referto elettronico (CD o DVD) del mio Video EEG Dinamico. Ho chiamato questa struttura per richiedere tale documentazione e mi hanno detto che la cartella clinica non contiene né il referto (TRACCIATO EEG) cartaceo, né elettronico del Video EEG Dinamico, dicendo che per averlo devo fare una esplicita richiesta al reparto nel quale sono stato ricoverato e precisamente al medico che mi ha seguito. Mi sono messo in contatto con il reparto e successivamente con il medico, la quale, si è rifiutata di rilasciarmelo inventando varie scuse: inizialmente ha detto che sono documenti riservati, poi ha detto che se li voglio devo segnalarle i medici con i quali sono in cura e alla fine di questa vivace discussione sono stato anche gravemente offeso poiché essa mi ha quasi preso a brutte parole nominando invano la mia (defunta) madre.

Ora, tralasciando l'atteggiamento poco etico, immorale e ripugnante di questa vostra schifosa collega desidero dei chiarimenti MEDICO LEGALI (APPREZZEREI PIù PARERI):

1- Ai sensi del D. M. 5/8/1977 la cartella clinica dovrebbe includere anche i referti degli esami di laboratorio e strumentali?
2- In qualità di paziente ho pienamente diritto a ricevere la cartella comprensiva anche dei referti ELETTRONICI (CD/DVD) in oggetto? Se SI Mi citate gli articoli di legge per favore?
3- Essendo un mio diritto NON dovrei essere tenuto a fornire alcuna motivazione riguardo la richesta della cartella e dei referti? Citate articoli di legge per favore...
4- Omettendo tali referti nella cartella, costituirebbe un reato da parte del medico (art.476 cod. penale - L'alterazione o l'INCOMPLETEZZA della cartella clinica - reato di falsità) ?

Ho già preso appuntamento con il mio avvocato che provvederà scrivere e inviare una lettera alla struttura e al medico in questione ma in attesa di consultarlo accetterei molto ben volentieri dei VALIDI e NUMEROSI consigli da parte vostra per risolvere questa spacevole situazione. Attualmente non sto bene e necessito di quei documenti per migliorare la terapia. La mia salute e il mio benessere sono un mio sacrosanto diritto.

A volte penso che sia migliore il sistema sanitario americano. Lì è vero che si paga l'assicurazione, ma da questa si è anche protetti e tutelati, nel senso che l’assicurazione del paziente caccia i soldi, quindi se il medico sbaglia e/o si comporta male, essa gli insegna a campare, mentre qui i medici hanno TROPPO POTERE, sono dei BARONI INTOCCABILI con la licenza di giocare con la vita e la salute dei poveri pazienti

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
GERACE (RC)
MESSINA (ME)
CASALPUSTERLENGO (LO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro signore,
Lei ha il diritto di richiedere e ottenere la documentazione clinica per intero, cartacea e per immagini.
La richiesta va inoltrata alla Direzione Sanitaria che non può opporre alcun rifiuto.
La maleducata collega non ha alcun potere nel rilasciare o non rilasciare la documentazione.
In caso di reiterato diniego, non Le resta che denunciare il Direttore Sanitario per omissione d'atti d'ufficio.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano