Utente 410XXX
Buongiorno,
circa 2 anni fa subii una aggressione fisica da parte di un mio parente di primo grado e mi diedero 8 giorni di prognosi al pronto soccorso per una FLC al capo. Tutto ciò dopo circa 2 anni di violenze quasi quotidiane: lancio di oggetti, insulti, accuse di cose mai fatte, provocazioni, porte sbattute violentemente anche in piena notte (soffre di disturbi di paranoia diagnosticati).
Ne seguì il suo ricovero e da allora questo mio parente, a quei tempi convivente (oggi non più) è in cura farmacologica presso il CPS. Io non sporsi denuncia all'epoca per queste violenze ( fatte anche verso altri membri della famiglia).
Gli effetti di queste violenze si sono comunque fatti sentire: da qualche mese sono in cura per PTSD e mi chiedevo 2 cose: avendo avuto io delle conseguenze oltre gli 8 giorni di prognosi, potrei ancora sporgere querela presso le forze dell'ordine? Lo psichiatra che mi ha in cura dovrebbe segnalare queste conseguenze alle autorità (come mi è stato detto da conoscenti) ?

Grazie per le vostre risposte.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
il termine per sporgere querela penale è di 90 giorni, per cui da quanto riferisce è abbondantemente trascorso.
L'obbligo di referto per lo psichiatra presuppone la fattispecie di cui all'art.365 del Codice Penale.
Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]