Utente 567XXX
Buongiorno, dall'ultimo controllo audiometrico è emerso che nelle frequenze 500/1000/2000 ho perso in totale 295 decibel nel orecchio migliore in quanto l' altro anacusico.
Nello scorso anno a fronte di una perdita uditiva delle predette soglie di 180decibel piu altre patologie mi era stata data la percentuale del 60%, secondo lei ci sono estremi per un aggravamento.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
secondo i valori tabellati per le perdite uditive, lo stato attuale (deficit uditivo peggiorato da 180 dB a 295 dB nell'orecchio migliore, altro ancusico) porterebbe la valutazione della sola menomazione uditiva da 38% a 58%.
Tuttavia i 20 punti differenziali, poichè esistono altre infermità, vanno sommati con metodo riduzionistico per giungere ad una valutazione complessiva.
Se la percentuale di invalidità civile pregressa era 60%, e la menomazione uditiva era stimabile nel 38%, le restanti menomazioni furono stimate circa il 35% (applicando il metodo riduzionistico).
Attualmente, se tale 35% restasse invariato (ma ipoteticamente potrebbe anche essere valutato diversamente), sommando a questo il 58% con formula riduzionistica si otterrebbe 73%.
Questi sono conteggi ipotetici, che tuttavia evidenziano che anche attualmente la menomazione complessiva non supera in maniera evidente la percentuale per ottenere benefici economici (deve essere almeno del 74%).
In conclusione, certamente può presentare istanza di aggravamento, ma solo se la Commissione Le applicherà percentuali maggiori, e ciò dipende solo dalla fortuna, potrà ottenere una invalidità civile in misura superiore al 74%.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 567XXX

Grazie illustre,
Sempre molto esaustivo e preciso.
Buon lavoro .
Saluti.