Utente 394XXX
Dottori buongiorno,


in data 15/07/2018, mi sono recato al PS per un trauma contusivo alla mano destra. La RX NON EVIDENZIA FRATTURE. Vengo dimesso con una prognosi di 5 GG. (S. C.). Alla scadenza dei 5 giorni, in data 19/07/2018, dovevo recarmi a l'inail per controllo ma per motivi famigliari non sono riuscito ad andarci. In data 01/08/2018, ancora con la mano gonfia e dolente, mi reco a l'inail. Effettuo nel loro abbulatorio una visita ortopedica. Fatta la visita l'ortopedico mi manda in un altro abbulatorio dove il medico (penso che fossi un medico legale), accettando la mano gonfia e dolente, mi chiude l'infortunio per il motivo che alla scadenza della prognosi dei 5 giorni, non mi sono recato a controllo. Ora io vi chiedo, mi sono recato nuovamente in data 02/08/2018 al PS per una visita più approfondita alla mano è la prognosi è di 5 GG. (S. C.). È possibile fare riaprire l'infortunio a l'inail? Cosa devo fare? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

qualora persistano sintomi dipendenti dall'infortunio già chiuso, od insorgano nuovi sintomi ad esso ricollegabili, che non permettono di continuare l'attività lavorativa, il medico che lo ha visitato o la struttura sanitaria che ha prestato assistenza deve inoltrare all'INAIL, per via telematica (Circolare INAIL 10/2016), il certificato di riammissione in temporanea, rilasciandone copia all'infortunato.

Piuttosto, considerata la complessità della situazione, Le suggerisco di rivolgersi per tale adempimento ad un Ente di Patronato, con la documentazione utile per definire la soluzione del caso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 394XXX

Dott. Mascotti, grazie per la risposta.