Utente 500XXX
Buonasera,
in materia di autopsia giudiziaria l'esame tossicologico deve sempre essere effettuato incondizionatamente oppure è contingente e discrezionale?
In questo caso chi decide se effettuarlo e in quali condizioni?

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
l'autopsia giudiziaria viene effettuata su disposizione di un magistrato, che conferisce l'incarico ad un consulente tecnico d'ufficio od un perito, formulando una serie di quesiti.
Se fra i quesiti risulta esplicitamente posto quello riguardante l'assunzione di sostanze da accertarsi con esame tossicologico, e' indubbio che questo dovra' essere eseguito.
Negli altri casi viene sempre richiesto di accertare la causa della morte, lasciando al consulente tecnico o perito la discrezionalita' sugli accertamenti da effettuare.
Certamente anche in tale ipotesi, se mi fosse conferito un incarico non trascurerei di effettuare gli esami tossicologici, quanto meno sui tossici e stupefacenti di piu' frequente riscontro, al fine di escludere che possano essere causa o concausa del decesso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 500XXX

Ma in caso di sospetto suicidio per defenestramento non dovrebbe essere indubbio l'accertamento tossicologico?

Grazie per i chiarimenti
Distinti Saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
resta sempre nella facolta' del magistrato inquirente e/o del consulente tecnico incaricato, oltre che, se del caso, delle parti interessate, che tramite i loro rappresentanti legali possono richiedere formalmente che vengano effettuati questi od anche altri accertamenti.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 500XXX

Grazie, un'ultimo dubbio: a distanza di due anni dall'autopsia sarebbe ancora possibile contestare il mancato esame?
Dopo due anni sarebbero impossibili analisi tossicologiche sui campioni conservati?

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il termine "contestare" presuppone l'intenzione un'azione legale, la cui possibilità dovrebbe essere verificata, tenuto conto di quanto accaduto, dal Suo avvocato di fiducia prima che da un medico legale.
La possibilità di analisi tossicologiche a distanza di tempo dipende dallo stato di conservazione dei campioni e dalla sostanza ricercata: teoricamente è possibile ritrovare tracce di veleni anche dopo più di un secolo (vedasi le tracce di arsenico nei capelli di Napoleone), ma certamente con indagini mlto sofisticate.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]