Utente 100XXX
Mia sorella ha effettuato la prima visita per l'invalidità civile...
dopo l'asportazione di un tumore
ci hanno spiegato i vantaggi di averla...
ma ci hanno detto che dovrà ritornare tra un anno per la visita.
Per quanti anni è prevista l'invalidità per malati oncologici???
Adesso ha terminato tutte le cure ed i valori sono nella norma...
speriamo bene...
grazie

[#1] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
Io nella mia commissione non faccio una gran differenza, ma pian piano questo sta avvenendo.Indubbiamente la clinica invita a differenziare le classi
1) Basalioma già non è piu' valutato con il codice 9325
2) K utero, tiroide, prostata, seminoma testicolare e rene (se non metastatizate) dovrebbero avere una speranza di guarigione altissima
3) mammella femminile,intestino, melanomi ed alcune leucemia dovrebbero esser viste con un certo ottimismo
4) gli altri variano da caso a caso

Fatta eccezione per il punto 1 valuto tutti al 100% dalla data dallad ata dell'intervento o della prima diagnosi

I punti 3/4 , ma anche il 2/3 se troppo avanzato hanno una conferma di 100 % per altri due anni.
In alcuni casi (terminali) assegno di accompagnamento.


dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL

[#2] dopo  
Dr. Paolo Porcu

20% attività
0% attualità
0% socialità
SELARGIUS (CA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
Fermo restando che per eventuali vantaggi io prenderei in considerazione anche l'inoltro di domanda per valutazione secondo legge 104, per tornare al consulto posto: non c'è un termine di tempo prestabilito, ma questo può variare a seconda del tipo di tumore, del tipo di intervento (più o meno radicale), dell'eventuale terapia successiva (chemio, radioterapia, etc.), delle condizioni generali del paziente al momento della valutazione. Dopo un certo numero di anni, se i parametri oncologici sono rientrati nella norma, si verifica non di rado (per fortuna del paziente!)che la Commissione di Valutazione possa ridurre la percentuale di invalidità sino alla "non invalidità": la ratio (ovvia) è: NON PIU' MALATTIA=NON PIU' INVALIDITA'. Al contario (nelle evoluzioni più sfavorevoli), si può fare domanda di aggravamento con possibile eventuale riconoscimento, da parte della Commissione Medico-Legale, dell'indennità di accompagnamento, oltre alla massima percentuale di invalidità riconosciuta, senza limiti di tempo, nei casi più gravi. Cordiali saluti
Dott. Paolo Porcu
Dirigente Medico (ASL) nella SSD di Medicina Legale

[#3] dopo  
37801

Cancellato nel 2010
si ma , e qui parlo da chirugo, non possiamo non valutare dei parametri base che, a tutt'oggi, sono nei protocolli clinici.
Ecco dunque che la medicina legale deve tenerne conto.
Ripeto un ovvia consequenzialità clinico medico elgale deve, a mio avviso, esserci.
Ovvio che le classi 1 2 3 4 sono un'esplicativa personale,che ancora non applico (come scritto)e, come detto, i condizioni ottimali.
Un K del pancreas NON può essere visto come un seminoma dl testicolo
dott Sergio Funicello
Spec Medicina legale e Chir d'Urgenza
Dirigente medico legale ASL

[#4] dopo  
Dr. Paolo Porcu

20% attività
0% attualità
0% socialità
SELARGIUS (CA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
il mio intervento è stato volutamente generico,in quanto rispondevo ad un non addetto ai lavori che di codici, pancreas e quant'altro sa ben poco. Ripeto: non conoscendo tipologia del tumore, parametri oncologici, etc. confermo ciò che ho riferito precedentemente, pensando in primis a dare qualche consiglio utile e comprensibile al paziente. Saluti
Dott. Paolo Porcu
Dirigente Medico (ASL) nella SSD di Medicina Legale