Utente 511XXX
buona sera a tutti,
sono un operaio autista magazziniere dal 1990 ho 46 anni
il mio lavoro e molto pesante pesantissimo perche scarico e carico pese da 20 kg a 200 kg manuallemente tutti i giorni
nel 2003 ho avuto un blocco totale per 40 giorni della schiena, avverto dolori nella gamba mi dorminta l'esterno della coscia destra e sinistra , la tac a evidenziato 3 ernia al disco.
nel 2006 un infortunio gravissimo(lca,menisco A menisco P) al ginocchio destro riconoscioto al 17 %
di piu sono stato operato nel 1999 al ginocchio sinistro(lca A)
la mia demanda e:
visto la mia situazione posso presentari una demanda per una pensione causata da infortunio(ginocchio) e malattia professionale(ernia al disco)
e chi possibilita ho per averla E % anziche la precedura a seguire.
GRAZIE A TUTTI I MEDICI

[#1] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro Signore.

Le rispondo io dato che i colleghi di medicina legale non lo hanno ancora fatto.

Dato che lei è soggetto ai rischi di Movimentazione Manuale dei Carichi
il datore di lavoro è obbligato ad INFORMARE/FORMARE (art. 169) tutti i lavoratori esposti ai rischi che vanno in contro durante la movimentazione dei gravi con dei corsi appropriati.
Con art 167 e 168 la legge obbliga il datore di lavoro ad eliminare i rischi attraverso la valutazione e verifica dell'adozione di ausili specifici per la movimentazione dei carichi.
In Italia la legge di riferimento per la movimentazione dei carichi è costituita dal titolo VI del D.Lgs. 81/2008
Si rivolga al medico del lavoro della ditta dove Lei lavora, richiedendo una visita anticipata così il professionista potrà valutare una eventuale idoneità alla mansione con limitazioni/prescrizioni o eventualmente, se il nesso di causalità è accertato, potrà innescare l'iter per malattia professionale .


Cordialmente La saluto
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#2] dopo  
Utente 511XXX

grazie moltissimo dott. per la sua risposta ,
spero a un aiuto per capire legalemente si ho diritto a una forma di pensione visto che non ho scelta per cambiare lavoro e attuallemente ho difficulta a svolgere il mio lavoro

[#3] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

Parli con il Medico del Lavoro della sua ditta.
Lui conoscendola potrà valutare meglio di me la situazione il cui lei versa.
Se c'è il nesso di causalità, tra patologie e mansione svolta e può essere dimostrato, il Medico Competente potrà innescare l'iter per malattia professionale.

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#4] dopo  
Utente 511XXX

buona sera dott.costa e grazie,
voglio riccordare che nella nostra ditta non esiste il medico del lavoro , non esiste nessun tipo di controllo per questo ho chiesto l'aiuto alla vostra competenza in materia.

[#5] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Allora chieda urgentemente e ufficialmente al suo datore di lavoro di essere sottoposto a visita dal medico del lavoro.
Il datore di lavoro è obbligato dalla legge a tutelare i lavoratori per quanto riguarda i rischi lavorativi.
FORMANDO/INFORMANDO il personale sottoposto alla movimentazione dei carichi.
Redigendo il documento della valutazione dei rischi per ridurre al massimo i rischi lavorativi e se dal documento emergono rischi per la salute del lavoratore, il datore di lavoro, sempre per la legge 81/08, è obbligato a nominare il medico del lavoro per l'espletamento delle visite e le susseguenti idoneità.
Se non ha alcuna risposta si rivolga alla Asl di competenza territoriale che svolge funzioni di polizia giudiziaria facendo presente la situazione.
Anche se poi, il suo datore di lavoro non sarà certamente contento, perchè scattano denunzie pecuniarie e penali abbastanza pesanti.

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#6] dopo  
Utente 511XXX

grazie dott.
sara fatto. prima la mia salute e poi le altri considerazione .

[#7] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

La richiesta al datore di lavoro, la faccia per raccomandata.
Mi faccia sapere.

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#8] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente 51195,
data la complessità del Suo caso (infortunio avvenuto ante luglio 2000, infortunio avvenuto post luglio 2000 - è cambiata la normativa dell'Inail in tema di infortuni sul lavoro - grave patologia erniaria da ovvia movimentazione anomala - 20-200kg???- dei carichi con ovvia impellenza di rivolgersi all'inail, assenza del medico competente della sua ditta - ma è sicuro?) le consiglio:
1) di rivolgersi ad una struttura di patronato per essere seguito gratuitamente sia da persone competenti in materia di procedure da seguire sia per una valutazione tecnica specialistica medico legale (controlli che il medico che la visita sia effettivamente uno specialista in medicina legale);
2) qualora la struttura di patronato non la soddisfi si rivolga ad uno specialista in medicina legale della sua città e ad un legale privato;
3) smetta di sollevare pesi di 200 kg (ma è sicuro?)
Cordialità
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#9] dopo  
Utente 511XXX

buona sera dott. e grazie
per i pesi 20 a 200 kg e sicuro al 100 % i nostri clienti possono testimoniare e sono pronti a testimoniare. il medico della ditta non c'è perche siamo 3 dipendente della ditta.
n.b. sono un extracomunitario
oggi ho dolori da pertutto il mio datore del lavoro mi vole bene ma non si rende conto del mio probleme
io voglio stare con lui ma la mia saluti e prima di tutto

[#10] dopo  
Utente 511XXX

ho dimenticato di dirvi che ho iniziato oggi a consultarmi con un patronato .
dott. Mancini non ho capito il fatto di prima o dopo luglio 2000 perche io ho avuto l'infortunio a marzo 2003.
la mia demanda e si ho il diritto di presentare la demanda di pensione per malattia professionale vista che io ho gia 17% per un infortunio al ginocchio dx
e il ginocchio sx operato (lca)
grazie.

[#11] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

A questo punto mi viene un dubbio.

E' messo in regola?

lavora in nero?

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#12] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Egr. Utente 51195,
il fatto che sia extracomunitario non c'entra nulla.
Lei riferisce di un intervento al ginocchio sinistro nel 1999: non si tratta anch'esso di infortunio (potrei aver capito male)?
Non si tratta di domanda di "pensione" ma di richiesta di riconoscimento di malattia professionale (se si è rivolto ad un patronato dovrebbe già aver avuto delucidazioni in merito).
Infine, concordo con il dubbio del dott. Costa: qual'è il suo rapporto di lavoro?
Altrimenti tutta la discussione non ha senso. Dato che riferisce di avere una rendita inail del 17% deduco che Lei sia regolarmente assunto.
Sul fatto che Lei sia costretto a sollevare 200 kg da solo mi permetta di avere dei dubbi.
Buona fortuna
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#13] dopo  
Utente 511XXX

buongiorno dott.
il peso di 200kg sono fusti forma di cilindro pesano 200 fino a 220 kg vengono sollevati all 'impiede questo chiede un sforzo notevole da solo.

[#14] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Perbacco.

Allora,Lei è forzuto.

Se è vero, non faccia più, tali tipi di sforzi.

Mi capisce vero?

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#15] dopo  
Utente 511XXX

buona sera dott. e grazie
visto le difficulta attuale nel mercato del lavoro , anche se io capisco le probleme per un tale sforzo.
prego di aiutarmi a capire si posso presentare una domanda per malattia professionale e quanti possibilita ho?
grazie mille .

[#16] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Egr. Utente 51195,
Lei può presentare domanda di malattia professionale per i suoi problemi di schiena e sussistono buone probabilità, fermo restando quanto da Lei descritto, di riuscire ad ottenere il riconoscimento da parte dell'Inail.
La prego di far verificare i suoi documenti di persona ad uno specialista in medicina legale.
Cordialità
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#17] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

Ricordi, il nesso di causalità, è molto importante nell'iter di una malattia professionale.
Se non si dimostra il nesso, è inutile.
Quindi, si consulti con un perito medico di parte.

Cordialmente
Dott. Costa Rosario
Specialista in Medicina del Lavoro

[#18] dopo  
Utente 511XXX

***ATTENZIONE!***
Questo consulto risulta aggiornato a più di DUE MESI fa:
valuta attentamente se la tua risposta può ancora essere utile all'utente!

Se ritieni opportuno inviare comunque il tuo consulto all'utente allora CANCELLA TUTTO QUESTO AVVISO e scrivi qui di seguito, grazie.