Utente
Salve a novembre 2019 ho avuto un incidente mentre tornavo a casa dal lavoro che mi ha causato la lesione massiva della cuffia dei rotatori della spalla destra a gennaio sono stato inserito 2 liste di attesa per l'operazione e il 4 febbraio l'INAIL mi ha chiuso l'infortunio dicendo che non potevano tenermi per tutto questo tempo.
Allora sono passato a INPS mandando certificati medici in quanto a causa dell'infortunio non riesco a svolgere la mansione di magazziniere presso la ditta in cui lavoro perché non posso alzare piegare e.
sollevare pesi con il braccio.
Tra lista di attesa lunghe successivamente il blocco degli interventi causa coronavirus tutt'ora sono in attesa intervento con un braccio praticamente fuori uso.
A livello di licenziamento rischio qualcosa perché nessuno dalle notizie tra INAIL, INPS e datore di lavoro.
È normale che l'INAIL chiude l'infortunio e poi riaprirlo dopo l'intervento?
È normale che INPS con tutti questi certificati dove è specificato infortunio in itinere non dà nessuna comunicazione.
Grazie mille

[#1]  
Dr. Marcello Lorello

24% attività
8% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)
TRIESTE (TS)
ASTI (AT)
PORDENONE (PN)
SAN MARZANO SUL SARNO (SA)
ROMA (RM)
BOLOGNA (BO)
TRENTO (TN)
ACERRA (NA)
NAPOLI (NA)
MILANO (MI)
PALERMO (PA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Gentile signore non è assolutamente normale il comportamento dell'INAIL ma spesso è la prassi.
Non rischia il licenziamento durante la malattia ma se l'azienda evidenzia la sua incapacità specifica al lavoro di magazziniere per limitata funzione può dopo il periodo di malattia e attraverso il ruolo del medico competente dirle che deve cambiare mansione o cambiare lavoro e quindi licenziarla. Venerdì 26 giugno mattina sono a Palermo per consulenze. Se ha bisogno ne parliamo da vicino.
Mi trova sul web.
Dr. Marcello Lorello
Medicolegale del Trib. Civile, Penale, Militare
Specialista in medicina interna
E mail: info@studiomedicolegalelorello.it