Utente 460XXX
Mio figlio di 6 anni ha subito l’asportazione del testicolo sinistro (a causa di una erronea diagnosi al pronto soccorso pediatrico) e fissazione del destro. Ho presentato domanda all’ASL per l’indennità di frequenza, ma non gli è stata riconosciuta. Mi hanno consigliato di non fargli praticare alcuni sport, di sottoporlo a controlli annuali dall’urologo e ad ecografie. Inizia inoltre a trovare imbarazzo quando deve cambiarsi davanti ad altri bambini. Leggendo il seguente articolo: “F. Ferro, Unità Operativa di Chirurgia andrologica dell’Età Evolutiva, Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù di Roma, in Ministero della Salute, Patologie Andrologiche dell’età giovanile: il ruolo della prevenzione, Audizione Camera dei Deputati, Roma 15 dicembre 2004” è possibile affermare tre cose: 1) La riduzione della fertilità dei soggetti che hanno presentato la torsione del testicolo, anche se ancora discussa sotto il profilo patogenetico, è una conseguenza accertata. 2) Esiste un’alta incidenza di infertilità dei pazienti che hanno subito la torsione del testicolo. 3) Insieme, e non in seconda posizione, devono essere tenuti nella giusta considerazione gli aspetti psicologici legati alle anomalie dei genitali, che possono giocare un ruolo importante nei rapporti sociali ed affettivi. È giusto riconoscergli tale indennità? E come posso contestare la decisione dell’ASL?

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente, l'indennità di frequenza, provvidenza a favore degli invalidi minorenni, è stata istituita dalla Legge 11 ottobre 1990, n. 289.
Il minore di ani 18 "con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell'età" (L. 289/90) o "con perdita uditiva superiore a 60 decibel nell'orecchio".
Solitamente, si tratta di minori affetti da patologia tumorali o da grave disabilità fisica o psichica ovvero con una invalidità almeno pari al 74%.
Nella sua natura giuridica, equivale alla indennità di accompagnamento per gli adulti, anche se il grado di invalidità può essere meno grave.
Per averne diritto, oltre al grave stato di disabilità, vi dev’essere una condizione economica di bisogno, ovvero un reddito lordo annuo per il 2009 non superiore a € 4.382,43.
L’assegno mensile del 2009 ammonta a € 255,13.
Nel suo caso, l’asportazione di un testicolo e la fissazione dell’altro non costituisce grave disabilità; pertanto, non vedo una possibilità di contestare efficacemente la decisione dell’ASL.
Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it