Utente 124XXX
Salve,
come da oggetto volevo proporre il mio caso.
Sono stata riconosciuta nel 2006 dal Tribunale del Lavoro Cieca Assoluta, ma circa un mese fa mi sono vista recapitare la raccomandata dell'INPS per la visita di revisione.
All'interno della lettera vi era la richiesta di spedire la domentazione necessaria per avvalersi dell'esonero, come disposto dal DM del 2 agosto 2007, cosa puntualmente eseguita!
Infatti la documentazione che ho fatto spedire era costituita da:
-Sentenza del Tribunale del Lavoro
-CTU del relativo procedimento
-Visita dell'ASL fatta nel 2005(che riportava la ptosi palpebrale bilaterale con nistagmo e percezioni in OO di luci ed ombre n.m.c.l.)
Stamane, come da lettera, poi mi sono presentata a visita, ma il medico legale dopo una frettolosa fase anamnestica e la visita, mi ha prescritto una ulteriore visita specialistica oculistica.
La sua giustificazione è stata duplice, sia perchè l'ultima visita era troppo vecchia(2005) per lui, sia perchè voleva vedere se c'erano gli estremi per l'esonero.
Ora le mie domande sono le seguenti:
-Ma se sono stata già riconosciuta cieca totale dal tribunale, non dovrei rientrare già nella categoria degli invalidi esonerati?
-L'ulteriore visita che il medico mi ha prescritto non è superflua?(infatti credo che ha potuto constatare di persona la mia grave situazione funzionale, poi ho saputo che c'è stata una nota interna dell'INPS, in cui si invitavano le commissioni di verifica provinciali a chiedere ulteriori accertamenti solo se ritenuti indispensabili! E non credo che, anche se la visita ASL risale al 2005, si possa considerare non probante, vista l'irreversibilità del quadro riscontrato anche dal medico legale stesso.)
-L'ultima domanda, nonchè la più importante, è relativa alla sospensione dell'erogazione della pensione. Infatti siccome la visita oculistica, di cui sopra, mi è stata proposta per Settembre(e non so nemmeno la data precisa perchè gli oculisti sono in vacanza per adesso, per cui mi chiameranno loro per farmi sapere il giorno!)nelle more del completamento dell'accertamento sarà sospesa la pensione? In altre parole l'accredito della pensione di Settembre e dei mesi successivi non sarà erogato fino al completamento dell'iter accertativo?
Mi scuso in anticipo per le molte domande, ma mi sento un pò delusa per le numerose tutele, che dovrebbero teoricamente esserci per noi e che in pratica sembrano solo vuote parole; ma sono anche molto preoccupata per l'eventuale temporanea sospensione economica, mio unico reddito e mezzo di sopravvivenza.
Aspettando le Vostre dotte indicazioni Vi porgo
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Egr. Utente 124220,
francamente non dovrebbe essere richiamata a visita per il motivo che ha illustrato (sentenza del tribunale): unica spiegazione un cambio di residenza per cui l'Inps ha inviato la comunicazione non avendo visto nel proprio fascicolo la sentenza con cui le era stata riconosciuta la prestazione.
Per quanto riguarda la visita, questa può essere disposta dall'Inps.
Per quanto riguarda la sospensione della pensione questa non dovrebbe avvenire se non nel momento del mancato riconoscimento della prestazione.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#2] dopo  
Utente 124XXX

La ringrazio Dottore per la sua risposta.
Ma comunque non mi spiego la chiamata, visto che io non ho cambiato affatto la residenza, e poi come Lei ha detto c'è una sentenza(sentenza che ho fatto sia spedire alla commissione, sia consegnare direttamente nelle mani del Medico Legale INPS che mi ha visitato).
Però il mio avvocato, che era di una città vicino alla mia, prima di iniziare la causa ha spostato il mio domicilo eletto presso il suo studio(che era nella sua città). Poi la causa si è svolta proprio nella sua città per sua comodità.
Può essere questo che ha comportato la chiamata a visita?
Poi, da quanto mi pare di capire dalle sue parole, le prestazioni pensionistiche verranno erogate comunque anche durante l'iter accertativo.
Quindi fino alla conclusione di tutte le visite ed accertamenti disposti comunque l'INPS è tenuta ad erogarmi la pensione o sbaglio?
In attesa di risposte Vi porgo
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente 124220,
sullo spostamento della causa non mi esprimo.
Le confermo che non le può essere interrotta la pensione se non quando l'Inps abbia preso una decisione.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

[#4] dopo  
Utente 124XXX

Vi ringrazio ancora Dottore,
con questa Vostra notizia riuscirò a vivere una estate meno travagliata e stressata, sapendo che comunque potrò contare sulla continuità della pensione(anche durante questo iter di revisione straordinario), unico e solo mio attuale mezzo di sussistenza.
Cordiali saluti.