Utente 159XXX
Salve, mia madre anni 72 ha dovuto rinnovare la patente di guida scaduta presso la commissione medica di roma perchè titolare di un permesso invalidi temporaneo a causa di un problema all'anca ora risolto con intervento di artoprotesi. Tra la documentazione richiesta per il rinnovo della commissione medica ha dovuto portare anche un ECG con visita cardiologica dal quale si evidenziava la presenza di extrasisitole per le quali mia madre aveva già precedentemente fatto tutti gli accertamenti del caso e che benchè presenti non nascondono alcun tipo di cardipatia; la commissione medica ha quindi richiesto come ulteriore accertamento un Holter il quale ha chiaramente riscontrato la presenza di queste extrasistole: la commissione medica ha quindi sospeso la patente per tre mesi ritenendo il disturbo di mia madre una patologia invalidante ai sensi dell'allegato 22 app.II art.320 del DPR 495/92 ovvero considerandola come una malattia invalidante. Ora la mia domanda è questa: è giusto il giudizio della commissione medica che ha sospeso la patente per detta motivazione? E volendo, come volgiamo, presentare ricorso come va circostanziato? A chi ci possiamo rivolgere per un consulto e una perizia di parte?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
A mio parere la semplice extrasistolia non determina una non idoneità temporanea alla patente. Esiste comunque la possibilità di fare ricorso al Ministero dei TRasporti che ha una Commissione Medica in ogni capoluogo di Regione. Chieda alla Commissione Medica che le ha rilasciato la non idoneità lo stampato per fare ricorso (oppure lo scarichi da internet, la mamma sarà poi convocata e rivalutata, Le suggerisco di portare una certificazione cardiologica.
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona