Utente 125XXX
Salve,
Ho 28 anni
Sono nato al settimo mese di gravidanza,nascita pretermine,ed ho trascorso i miei primi tre mesi di vita in un'incubatrice.
Mi è stata diagnosticata una paralisi cerebrale infantile.
Essa ha determinato un'andatura claudicante.
Difatti,la gamba sinistra è più corta di due centimetri rispetto alla destra.
Inoltre,il tendine d'Achille della gamba sinistra è più corto.
Il piede sinistro è affetto da dismorfismi quali:varismo ed equinismo.
Gli specialisti che mi hanno viisitato hanno asserito che,gli esiti della paralisi cerebrale infantile,sarebbero stati irreversibili e che,perciò,sarei rimasto claudicante.
Purtroppo,così è stato.
Dedidero,per cortesia,sapere,se questa diagnosi potrebbe essere fondata e se,magari,ci sarebbe qualcosa da fare,al fine d'eliminare la zoppìa.
Volendo avviare le pratiche per il riconoscimento dell'invalidità civile,quanto mi spetterebbe?Potrei ottenere l'accesso alle "categorie protette",il percepimento di una pensione d'invalidità civile ed il contrassegno per l'autovettura?
Qual'è,comunque,la prassi dettagliata ed analitica da seguire ai fini del riconoscimento dell'invalidità civile?
Grazie per l'attenzione
Distinti Saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

La diagnosi potrebbe essere fondata.
Per stabilire eventuali provvedimenti di eliminazione della zoppia, dovrebbe rivolgersi di persona ad uno specialista ortopedico.
Per quanto riguarda l'invalidità civile, la domanda va fatta presso la sua ASL di residenza; solitamente, ogni ASL ha uno modulo da compilare; alla domanda deve allegare una sintetica relazione fatta dal suo medico curante e tutta la restante documentazione clinica in suo possesso.
Quanto al grado di invalidità, è impossibile in questa sede formulare un giudizio, perchè è indispensabile una visita diretta per valutare la sua attuale situazione clinica.
Quanto ai benefici, dipendono dal grado di invalidità che le vengono riconosciuti; l'accesso alle categorie protette inizia dal 46%; dal 74% al 99% si ha diritto ad un assegno mensile e il 100% dà diritto ad una pensione mensile, però ci sono dei limiti di reddito per potere ottenere questi benefici economici.

Per ulteriori e più dettagliate informazioni, può consultare i seguenti link:

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=86486
http://www.medico-legale.it/Invalidita_civile.html
http://www.medico-legale.it/Handicap_L.104_del_92.html

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it