L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 447XXX
Ho letto su un articolo medico che secondo uno studio fatto (non ricordo dove), lo zinco aiuterebbe molto il nostro sistema immunitario, e quindi risulta molto utile somministrarlo ai bambini per rafforzare le loro difese immunitarie, al contrario degli integratori (naturali a base per esempio di echinacea ecc., e quelli non naturali tipo i vaccini) presi in autunno che non servono a nulla. E' vero tutto ciò, e in che dosi si dovrebbe assumere lo zinco? Io ho una bimba di 3 anni e mezzo alla quale sto somministrando un integratore (Ommunal), visto che dopo soli 5 giorni di asilo è stata 6 giorni con febbre-raffreddore-tosse, che ha trasmesso alla sua sorellina piccola di 17 mesi. Cosa mi consigliate di fare?
Grazie a tutti.

[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
le sconsiglio di abituare una bambina piccola a degli integratori come lo zinco che possono avere una giustificazione d'uso solo in caso di manifestata carenza o di aumentato fabbisogno per un particolare motivo.

In medicina non convenzionale ogni terapia dev'essere individualizzata sul paziente, così facendo abbiamo sempre il controllo di quello che stiamo facendo e possiamo intervenire con metodiche terapeutiche dall'efficacia ormai comprovata anche a livello preventivo.
La cosa migliore che può fare è affidarsi ad un medico omeopata esperto che le consiglierà la cura più idonea per sua figlia ma solo dopo averla adeguatamente visitata.

Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it