L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 413XXX
Salve Egregi Dottori!
Mi sono rivolto ad un naturopata per il mio problema di enorme stress psicofisico che mi porto addosso da ormai più di 15 anni.
Il dottore mi ha prescritto la Rodiola dicendomi che per i primi 3 mesi devo prenderne due compresse al giorno (400 mg l’una) - (radice E.S. Titolata in
Rosavin 3% con minimo 1% di salidrossidi) poi una al giorno per altri 12 mesi ma, volendo, il dottore dice che posso anche prendere il prodotto per un periodo molto più lungo, magari facendo una pausa (anche se secondo lui non necessaria) di un mese dopo un anno, per poi riprendere x altri 6 mesi alla volta intervallati da un mese di sospensione (mi ha comuqnue detto che ciò per la mia preoccupazione di una possibile "tossicità", altrimenti potrei anche fare a meno del mese di sospensione o al limite farlo una volta ogni 2 anni).

Devo dire che sto assumendo la rodiola da 34 giorni e sto avendo benefici ma, sono un po’ preoccupato per la durata del trattamento, ho cioè timore che prolungare troppo la cura possa causarmi dei problemi.
Il dottore mi tranquillizzato il tal senso dicendomi che il prodotto è “innocuo”, assolutamente non tossico, io vorrei però sapere se anche voi la pensate allo stesso modo.

Considerando i benefici avuti finora la prenderei a vita! quello che però mi preoccupa è la tossicità o altro in cui posso incorrere;
Vi domando allora se ha ragione il naturopata quando mi dice che non ci sono problemi e posso stare tranquillo o secondo il vostro punto di vista questo è un tempo di assunzione troppo lungo e quindi sarebbe consigliabile limitare l’assunzione della Rhodiola magari a soli 6 - 9 mesi onde evitare possibili effetti “nocivi” per l’organismo?

Mille grazie x l’attenzione e per il vostro gradito parere.
Cordialità

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da quanto riferisce i risultati positivi non hanno tardato a presentarsi quindi probabilmente lei potrà interromperla ben prima del periodo previsto originariamente dal collega!
Concordo sull'assenza di tossicità ma questo è solamente un parere espresso sull'esperienza di pazienti che l'hanno già assunta per lunghi periodi senza mostrare effetti collaterali spiacevoli;
questo dato è confortante ma non può essere estrapolato a piacere ed allora consiglio sempre di interrompere l'assunzione raggiunto il beneficio atteso.
Potrà sempre fermarsi per un determinato periodo o assumere altre sostanze diverse ma terapeuticamente complementari.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 413XXX

Mille grazie per la risposta Egr. Dr. Leone.

volevo specificare che non è che in così poco tempo ho eliminato lo stress, diciamo però che se il buon giorno si vede dal mattino ...............
nel senso che intravedo un piccolo lumicino all'orizzonte.

Se Lei me lo permette vorrei domandarle un'altra cosa: l'assenza di tossicità (in linea teorica) dovrebbe essere assente anche nel caso un uomo sta cercando di avere un figlio con la propria compagna?
Cioè se per caso si sta cercando di avere un figlio, l’uomo deve sospendere l’assunzione del prodotto? Se si, quanto tempo prima?

Grazie ancora per i consigli.

[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Non dovrebbe esserci alcun problema in merito al suo quesito.
Saluti.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#4] dopo  
Utente 413XXX

Egregio Dottor Leone,
mi scusi, siccome un mio parente che sta attraversando un brutto periodo per via di problemi di lavoro, non volendo ripetere la brutta esperienza che ha avuto in passato con le benzodiazepine e sapendo che a me la rodiola ha dato benefici, sta anche lui tentando, sotto controllo medico, la strada rodiola.
Dopo 16 giorni dice però che ha la sensazione paradossale di sentirsi addirittura più nervoso/teso/stressato di prima; vorrei chiederle se è possibile che la rodiola gli faccia questo paradossale effetto! (il dottore dice che il maggiore nervosismo non è attribuibile alla rodiola ed inoltre ancora è troppo presto perché possa aver fatto effetto)

Nota: la sua dose di assunzione è la max prevista, cioè 4 cpr al giorno (400 mg l’una) - (radice E.S. Titolata in Rosavin 3% con minimo 1% di salidrossidi).

Cordialità