L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 133XXX
Buonasera,
sono la mamma di un bambino di 8 anni. E' allergico alle graminacee, parietarie, olivo. Da piccolo ha sofferto di dermatite atopica, crescendo ha sviluppato una forte rinite allergica che si accentua in primavera, rendendogli la vita davvero impossibile. Ho consultato un pediatra omeopata, e da 7 mesi sta seguendo questa cura: 30 gocce di ribes nigrum la mattina, una fiala di manganese-rame al giorno, 3 granuli di pollensi' 2/3 volte al giorno, 3 granuli di histaminum 5 ch 2/3 volte al giorno. Da questa cura pero' non ha trovato giovamento, infatti quest' anno ha avuto 3 episodi di broncospasmo con febbre che ho dovuto curare con aerosol di cortisonici e antistaminici. Siamo esasperati da questa situazione, che cosa non ha funzionato nella cura, forse non era adatta? Ha un consiglio da darmi? Grazie, Alessandra.

[#1] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente,
io credo che la cura "omeopatica" che sta seguendo non vada bene. A mio giudizio sta assumendo troppe cose e perlopiù a scopo solo sintomatico, non risolutivo.
Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it

[#2] dopo  
Utente 133XXX

Sono molto preoccupata, secondo lei sono ancora in tempo, vista l' eta' del bambino, la frequenza del ricorso del cosrtisone in questi otto anni, a recuparare la situazione con una adeguata cura omeopatica o il bambino e' destinato a soffrire di asma? Quando una situazione e' troppo "in la'" per poterla recuperare? Esiste una cura ad "hoc" che non siano il cortisone e gli antistaminici che stancano tantissimo il bambino?
Grazie della disponibilita', capisca la mia ansia, perche' e' molto difficile trovare dei pediatri che prendano sul serio questo problema, cerchino di curare alla radice il problema e non si limitino a prescrivere i soliti aerosol.
Grazie ancora, Alessandra.

[#3] dopo  
79426

Cancellato nel 2010
Gentile utente, cono convinto che se lei si rivolgesse ad un bravo omeopata potrà risolvere i problemi di suo figlio senza usare altri farmaci.

Cordiali saluti
Dr. Tancredi  Ascani
Medico omeopata unicista

www.omeosan.it

[#4] dopo  
Utente 133XXX

Ho contattato un medico omeopata unicista il quale, al telefono, mi ha spiegato che intenderebbe, ovviamente dopo aver visitato il bambino, procedere cosi': trovare un rimedio che faccia fare un percorso a ritroso alla marcia allergica, cioe' far ricomparire la dermatite atopica, poi la rinite per arrivare infine all' asma di cui e' affetto ora. Sono un po' in ansia perche' mi ha detto che il bambino soffrira' un po' per questi sintomi che intende far riemergere....Secondo lei potrebbe essere un percorso valido questo che mi è stato proposto?
Grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
il collega voleva forse intendere che alcune manifestazioni, che potranno verificarsi in corso di terapia omeopatica ben condotta, non devono destare allarme, ma la "regressione" delle manifestazioni allergiche secondo l'ipotesi prospettata dovrebbe seguire un percorso che va da manifestazioni che riguardano gli organi più profondi (polmone - asma) verso organi disposti in superficie (vie aeree superiori - rinite; pelle - dermatite).
Un andamento di questo tipo è ritenuto, in omeopatia classica, favorevole per giungere alla guarigione.
Ovviamente il medico che la segue sarà - come è tradizione in medicina omeopatica - disponibile a chiarire ogni dubbio e a fronteggiare ogni eventualità spiacevole.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.