L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 108XXX
Salve.
Sono incinta di 32 settimane, e il mio bambino, dopo essere stato podalico a 26 settimane, e cefalico a 30, ora è di nuovo podalico.
Ho molta paura del taglio cesareo, e vorrei poter partorire in modo naturale.
Ho sentito parlare, oltre alla manovra esterna, della moxa.
Se ho ben capito, il suo funzionamento è dovuto al fatto che il calore su quel particolare punto del piede favorisce il capovolgimento del bambino provocando contrazioni che lo sollecitano a muoversi.
Nei mesi scorsi io ho preso medicinali per scongiurare contrazioni e il conseguente accorciamento del collo dell'utero.
La moxa ha qualche controindicazione in questi casi?
C'è forse qualche pericolo di parto pre-termine o cose del genere?
Grazie


[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i suoi timori sono fondati e nel suo caso sconsiglierei questo tipo di trattamento adesso, da tentare solamente alla scadenza dei tempi gestazionali.

Cordialmente.
Dr. Riccardo Ferrero Leone
Omeopatia-Omotossicologia-Nutrizione clinica

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Grazie Dottore, la ringrazio molto.