L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente cancellato
Salute a tutti,

sto seguendo una terapia omotossicologica che prevedo l'assunzione del nosode di un patogeno che chiamerò X.

Nel malaugurato caso in cui il patogeno X non fosse presente nel mio corpo (e quindi la prescrizione fosse errata), l'assunzione di un nosode in bassa diluizione (DH6) potrebbe scatenare una malattia autoimmune per mimetismo molecolare?

Ringrazio in anticipo per la cortesia.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
no.
La condizione a cui si riferisce non è descritta.
Le consiglio di esporre questa perplessità al medico che le ha prescritto il nosode per avere delucidazioni, alla luce della sua esperienza clinica, in merito alla prescrizione.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
73116

dal 2011

Gentile dottore, grazie per la risposta. Vorrei approfittare della sua cortesia per porle un altro quesito sui nosodi.

I nosodi funzionano per similitudine, cioè causano gli stessi sintomi del patogeno con cui sono fatti? O sono come dei "traccianti" che indicano al sistema immunitario di attaccare con più vigore un determinato patogeno?

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
non è possibile una risposta certa sul meccanismo d'azione per i nosodi come per gli altri farmaci omeopatici. V sono ipotesi più o meno accreditate, ma, al momento attuale, non vi è unitarietà di vedute.
I nosodi hanno aspetti del tutto simili agli altri principi omeopatici, la cosa che li caratterizza è la provenienza da materiale patologico. I principi di diluizione e dinamizzazione sono gli stessi.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
73116

dal 2011

Tutto chiaro, grazie.

C'è una ragione per cui le diluizioni sono numerose tra la D6 e la D30, e poi si salta alla D200? In altre parole, perchè non esiste la D42, o D56, o D99?

Forse questi "numeri" di diluizione/dinamizzazione si sono rivelati più efficaci o più comuni tra gli esseri umani?