Utente 329XXX
Gentile Dottore,
mi permetto di sottoporle una domanda alla quale il mio medico generico ha risposto negativamente.
Un calcolo renale di 4 mm può dare un dolore continuo nella zona lombare irradiandosi fino all'inguine e scendere nella gamba?
Io questo dolore me lo porto dietro da più di un anno. Ho fatto inizialmente delle radiografie e avendo una brutta scoliosi i vari medici interpellati hanno sostenuto che fosse un problema di postura.
Malgrado tutte le terapie il doloretto restava lì.
Allora di testa mia ho voluto fare un'ecografia e eccolo lì!
Finalmente avevo una spiegazione. E invece mi dicono di no, il calcolo o da coliche o niente. Adesso sono veramente preoccupata...mi piacerebbe tanto sapere cosa ho...Secondo lei dopo 3 radiografie (nelle quali il calcolo non compariva), un'ecografia addominale, un'ecografia renale, una transvaginale, analisi del sangue (negative) e delle urine, ginnastica posturale tens e non so quante altre terapie è il caso che mi faccia anche una risonanza alla ricerca di qualcosa più grave?
Attendo con ansia una sua risposta
Grazie
Francesca Brunelli

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
un calcolo rileva la sua presenza con coliche quando si trova nell'uretere e cioè quando le coliche ( contrazioni) dell'uretere tenta di espellerlo o è motivo di ostruzione ( idronefrosi)con un dolore sordo.
Il suo calcolo se è presente in un calice non può essere motivo della sintomatologia riferita.
Cordiali saluti
Dott.Roberto Mallus

[#2] dopo  
Dr. Decenzio Bonucchi

24% attività
4% attualità
12% socialità
CARPI (MO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Viste le condizioni della sua colonna penserei prima di tutto ad un dolore da compressione nervosa: credo che l'ortoprdico sia lo specialista di riferimento.
Saluti, Decenzio Bonucchi.
Decenzio Bonucchi, Nefrologo
Carpi

[#3] dopo  
Utente 329XXX

Gentile Dott. Bonucchi,
dopo la risonanza l'ortopedico ha escluso che il dolore sia a carico della colonna.
Mi domando se devo sottopormi a qualche altro esame che evidenzi meglio le viscere per scongiurare il pericolo che ci sia qualcosa di molto più serio.
Speravo che il dolore con le caratteristiche che ho desritto nel mio precedente intervento fossero imputabili, come lessi una volta su un sito medico, al calcolo ma ormai dopo 2 anni non so più cosa pensare e a chi rivolgermi.
Vi ringrazio comunque molto dell'attenzione accordatami.
Francesca Brunelli