Utente cancellato
Buon giorno,vi contatto per il mio papa',ha 65 anni,dalla nascita con rene grinzo,circa un anno fa' gli e' stata riscontrata un insufficienza renale ora sotto cura ha 4,5 di creatinina.Non ha iniziato la dialisi in quanto sta ancora bene,i medici dicono che puo' aspettare.L'unica cosa e' che da circa 10 giorni gli si gonfiano spesso le gambe e ha sempre l'addome gonfio,fa fatica a respirare soprattutto di notte,e' possibile che l'insufficienza renale sia peggiorata?Noi avremo un controllo in luglio e' il caso di anticipare???La ringrazio in anticipo e aspetto sue risposte!

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Cara Signore,
sicuramente è il caso di rivolgersi con la massima sollecitudine al proprio nefrologo di riferimento.

Se l'affanno dovesse essere poco tollerabile le consiglio di accedere al Pronto Soccorso.

Cordialità
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#2] dopo  
159699

dal 2011
grazie mille!

[#3] dopo  
159699

dal 2011
Buon giorno,mio padre da circa 20 giorni ha iniziato la dialisi,attualmente gli hanno fatto un "catatere"al collo ma in questi giorni hanno deciso di fargli una fistola al braccio.Le chiedevo cosa vuol dire che prima di utilizzare la fistola deve "maturare"?Quanti giorni ci vorranno?e' un intervento doloroso?La ringrazo e la saluto!

[#4] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
cara Signora,

la fistola artero-venosa è l'accesso vascolare di prima scelta per eseguire la dialisi extracorporea. E' un intervento poco invasivo, che si esegue in anestesia locale (a paziente sveglio, viene iniettato anestetico nella regione del polso, dove di solito si costruisce la fistola) e dura un paio d'ore. Di norma il dolore, o il fastidio, sono minimi e ben tollerabili.

Una volta unita l'arteria con la vena (questa è la fistola), bisogna aspettare 15 giorni in media affinchè la vena ispessisca le sue pareti sotto un flusso arterioso e diventi pungibili con gli aghi da dialisi, che sono più grossi degli aghi da prelievo.
In questo modo, nella vena effluente della fistola passerà un flusso di sangue molto maggiore che nelle vene normali; ciò è indispensabile per depurare bene il sangue in un periodo limitato di tempo (le 3-4 ore della seduta dialitica).

Ci tenga informati se le va.
Un saluto,
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#5] dopo  
159699

dal 2011
Buon giorno,
grazie mille per la risposta e' stata molto chiara.
Il mio papa' ha fatto la fistola,ma il dottore dice che non e' andata bene.Bisogna aspettare molto prima di subire un nuovo intervento?Attualmente ha il "catetere"al collo ed e' molto scomodo e fastidioso.Buona domenica e a presto!

[#6] dopo  
159699

dal 2011
Scusi se la disturbo un altra volta,le chiedevo se e' possibile andare in vacanza con il"catetere" al collo?Mi spiego bene,vorremmo andare in vacanza,trovando un ospedale che ci accetti per l'emodialisi e' un problema se anziche' la fistola si ha il "catetere"?Grazie mille!

[#7] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Cara Signora,
purtroppo capita che l'intervento di fistola non vada bene al primo colpo. In questo caso bisognerebbe valutare bene l'albero vascolare degli arti superiori di suo padre per rispondere alla sua domanda circa il tempo da attendere per un nuovo intervento. Dopo il fallimento di un primo tentativo è bene non essere precipitosi e avere ben chiara la situazione.

Per quanto concerne il catetere, bisognerebbe sapere che tipo di catetere ha suo padre. Se è un temporaneo giugulare, probabilmente andrà sostituito con uno diverso che ha un piccolo tragitto sottocute e che è protetto meglio contro infezioni o altri problemi. In questi casi, nulla vieta di andare fuori dall'ospedale.
Circa l'andare in vacanza, ovviamente entrano in gioco considerazioni mediche anche diverse: visto che la dialisi è stata iniziata da poco potrebbero esserci delle alterazioni ancora da correggere. Io non posso sapere; ma lei può chiedere direttamente ai suoi medici.
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#8] dopo  
159699

dal 2011
grazie mille!