Utente 108XXX
Oggi ho notato che i miei fianchi sono dolenti al tatto.
a una semplice e leggera pressione infatti percepisco un dolore mediamente fastidioso che non mi sembra normale.
cosa posso avere?
cosa puo causare tale dolore?
eventualmente che visita dovrei fare per accertamenti?


[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
i reni hanno la compiacenza di far male uno alla volta! Per vari motivi, è quasi inverosimili che si manifestino bilateralmente e nello stesso momento situazioni in grado di scatenare dolore. Questi doloretti lombari bilaterali sono quasi sempre legati ad un risentimento a livello della colonna vertebrale, spesso coinvolta da problemi di postura, scarsa (o più raramente eccessiva) attività fisica. D'ogni mano, già alla semplice visita del suo Medico Curante la situazione potrà essere rapidamente meglio caratterizzata.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 108XXX

ho dimenticato una cosa. sto facendo da due mesi una terapia a base di litio per il disturbo bipolare.
all inizio prendevo due capsule da 150mg al die. da dieci giorni sono passato a tre.
quanto rilevanza puo avere questo?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
la terapia psico-farmacologica coni sali di litio è piuttosto impegnativa e necessita, specie nel primo periodo, di un attento controllo, teso alla valutazione di possibili effetti collaterali, perlopiù dipendenti dal dosaggio ottimale che non è definibile a priori. Per questo motivo immaginiamo lei stia eseguendo i periodici dosaggi del litio nel sangue. Al di là di questo non è possibile affermare una sicura relazione diretta con i fastidi che lei ci riferisce, ma a maggior ragione è opportuno che la situazione venga valutata direttamente dal suo medico curante e da chi le ha prescritto questa terapia.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing