Utente 393XXX
Gent.mo Dottore,
sono molto confusa su quanto successo a mio figlio di 5 anni.
In modo completamente asintomantico ha avuto macroematuria (urine rosso vivo) e siamo stati ricoverati al PS per una settimana.

Il referto della ecografia dice: "Vescica distesa a pareti regolari. Rene dx in sede:L=9.46 cm, di norma la forma ed ecostruttura; Rene sx in sede:L=9.68 cm,con dilatazione del gruppo caliceale sup. e inf., pelci con DAP o 78 cm. Si segnala presenza di fromazione iperecogena con diametro di 1.3 cm con cono d'ombra posteriore a livello di un calice del gruppo inferiore."

Il referto della scintigrafia renale dice:" funzionalità renale complessiva nei limiti con prevalenza funzionale del rene sx, significativo difetto escretorio del rene sx con marcato ristagno di attività soprattutto al 1/3 inferiore, non difetti escretori a dx."
la morfologia delle emazie è ben conservata (vuol dire che viene dalla vescica?).

Rapporto calciuria/creatinuria= 0.76. URC negativa.

Il mio dubbio è: il calcolo completamente asintomatico è causa o conseguenza dell'ematuria e del ristagno oppure sono completamente scollegati?
E' proprio necessario fare la TAC per ulteriori accertamenti come mi hanno consigliato?

Grazie infinite della risposta che vorrete concedermi,

una mamma preoccupata

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In effetti ciò che lascia più perplessi è il sanguinamento rosso vivo, quindi di origine "bassa" (es. vescicale), mentre il resto delle alterazioni, peraltro assai significative, è a carico del rene. Questo ci fa dubitare che la causa del sanguinamento sia diversa (e quindi da determinare) e quindi abbia solo occasionalmente contribuito a far scoprire il problema renale. A quella età il dubbio più consistente è ovviamente la malformazione congenita (sindrome giuntale). Concordiamo pienamente con la prescrizione della TAC, perché il caso appare complesso e per ora di difficile interpretazione. Con i risultti disponibili, il caso dovrà essere preso in carico da un nostro Collega con specifiche competenze nell'urologia pediatrica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 393XXX

Gent.mo Dr. Piana,
la ringrazio infinitamente perchè ha risposto celermente in poche righe ha chiarito la situazione.
Adesso la macroematuria è diventata microematuria e il bimbo è sotto antibiotico. E' da escludere che il sanguinamento possa essere provenuto da un altro calcolo nell'ueretere che non si è visto con la eco?
Ho letto che l'eventuale intervento in caso di sindrome giuntale è molto delicato e ci vogliono mani esperte. Che struttura mi può consigliare?
Ci ricoveriamo la prox sett in nefrologia pediatrica a Bari.

Grazie davvero....

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il dubbio più consistente è proprio quello che vi possa essere un altro calcolo misconosciuto nell'uretere, non visibile all'ecografia. Solo la TAC potrà chiarire.
L'intervento correttivo è delicato, ma è senz'altro fra le procedure chirurgiche/laparoscopiche più comuni per un qualsiasi buon urologo pediatra.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 393XXX

Grazie infinite ancora per la celere risposta e il chiarimento preciso che mi ha voluto concedere!
Per noi profani della medicina ogni aspetto che riusciamo a chiarire è un regalo per lo spirito.

GRAZIEEEEEE!!!!!