Utente 393XXX
Buongiorno , mio padre che ha 65 anni è da poco più di 4 anni per un insufficienza renale di entrambi i reni.
Sempre 4 anni fa è stato operato al cuore per un'insufficienza coronarica.
Effettua dialisi tre volte a settimane , ma ogni volta che va si presenta con 6-7kg in corpo , e se ne torna a casa con 2-3 kg di liquidi. Perché gli tolgono circa 4kg a seduta. Parecchie volte fa fatica a respirare , pesa circa 100kg ed è alto 1.85
I medici si arrabbiano molto ogni volta , in casa mia mamma e mio fratello e io cerchiamo di tenerlo alle strette per non farlo bere e mangiare tanto .
La mia domanda è se può andare incontro a problemi sforando sempre col peso e con un intervento al cuore?? Grazie a tutti

[#1] dopo  
Dr. Piero Mignosi

24% attività
8% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gent.Utente,
nel paziente emodializzato , uno degli aspetti di più difficile gestione è il problema dell'incremento ponderale interdialitico, spesse volte eccessivo e soprattutto d'estate.
Un incremento ponderale eccessivo, come quello da lei riferito, non solo è di difficile gestione ma espone il paziente a possibili complicanze intradialitiche dovute ad eccesiva ultrafiltrazione (ipotensione arteriosa intradialitica, crampi, etc).
Sarebbe buona norma avere un incremento ponderale interdialitico di circa 2-2,5 Kg. (per una seduta dialitica di h.3+1/2-4 ore).
Nel caso di suo padre è assolutamente necessario che suo padre "collabori" col nefrologo portando meno peso , cosi da ottenersi incrementi ponderali interdialitici come predetto.
Utile sarebbe anche effettuare il trattamento emodialitico con un bagno dialisi forse più adeguato (in termini di conducibilità) per il quale comunque potrà parlarne col nefrologo che segue suo padre.
Devesi comunque evidenziare, altresi, la possibilità di eseguire (per un breve periodo) trattamento emodialitico giornaliero, al fine di far scendere di peso suo padre e riportarlo quanto più possibile al suo peso secco , evitando così la possibilità di conseguenze cliniche relate allo stato di iperidratazione residuo (post-dialisi), come da lei riferito.
Cordiali saluti
Dr.PIERO MIGNOSI
Specialista in Nefrologia
U.O.S.D. Nefrologia e Dialisi - Policlinico di Palermo

[#2] dopo  
Utente 393XXX

Grazie dottore del consulto , ultimamente siamo riusciti a farlo collaborare , riuscendo a portare sulle 3 - 3 e mezzo.
Adesso ha raggiunto il peso ideale , ma ha dovuto chiedere una seduta supplementare la scorsa settimana per raggiungere il giusto peso.
Questa settimana è tornato ad eseguirne 3 sedute e pare di portare circa 3kg.
Il cardiologo un tempo ci disse che essendo stato operato per un'insufficienza coronarica , il cuore patisce un po' le sedute.
E' vera come cosa?
Grazie mille