Utente 164XXX
Salve,
Sono un uomo di 47 anni, affetto da diabete da 39. il quale ha portato mokti problemi e, per ultimo, i reni.
La mia creatinina, da 3.4 di 9 mesi fa, è andata in crescendo, fino ai 4.9 di ora.
Mangio cibo aproteico e cerco di stare attento alle proteine derivanti da altri cibi (attuo il 0.3gr per kilo di peso).
Moltissimu annu fa, quando ancora la creatinina era nel limite, mi misero una srenosi in un rene ma poi, non ne seppi piü nulla.
Urino frequentemente ma, anche li, ho una microalbuminuria.
È da una ventina di anni peró che, quando urino, esce a tratti e debbo sforzarmi per espletarla tutta.
A volte capita che, seppur finito, debbo ritornare immediatamente in bagno, perchè sento ancora lo stimolo ed ho qualche rimasuglio.
Anche a livello erettivo, non è piú la stessa cosa.
Non riesco ad avere un erezione rigida.
Moltissime volte, specialmente dopo un amplesso (per altro veloce, perchè molto sensibile), sento un forte bruciore e, lo stesso, capita a volte quando urino.
Da dire che, il mio organo, é ancora sano (non mi si è mai rotta la pellicina).
Volevo chiedere se, oltre alla malattia con cui convivo, sia possibile attribuire, in parte, i valori alti della mia creatinina e i problemi di erezione, ad un problema vescicale o ureteo, o dovrei rassegnarmi ad una dialisi che, se per sempre, non intenderei sottopormi.
Grazie per la consulenza.

[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani

32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio utente,
i sintomi da Lei descritti smbrano ascrivibili a probelmatica di natura urologica :sarebbe utile prevedere una visita urologica per eventuale indicazione ad esame uroflussimetrico o ad ecografia con calcolo del residuo minzionale per valutare bene questa questione. E' opportuno segnalare che in presenza di ostruzione delle vie urinarie,la funzionalità renale già decurtata dal diabete può avere avuto un peggioramento in relazione a tale condizione. In assenza di ostruzione dell'albero urinario andrà considerata una progressione della malattia renale correlata al diabete.
Un cordiale ed affettuoso saluto
Remo Luciani
Dr. Remo Luciani

[#2] dopo  
Utente 164XXX

La ringrazio molto per la sua risposta. Mi faró prescrivere gli esami da lei consigliati, sperando che venga fuori realmente qualcosa nel sistema urologico. Perchè non credo che reggerei ad una dialisi,(non ancora diagnosticata ma, credo, probabile) anche se penso al mio giovane figlio piú che a me stesso.
Vorrei sapere se, nel caso di esami negativi, esiste un modo meno drastico di una dislisi 3 volte settimana, chessò, una sola volta al mese e quando, la creatinina, raggiunga un valore di non ritorno.
Il fatto è che io ho alta anche l'azotemia ed il potassio.
Grazie ancora.