Utente 277XXX
Gentili dottori chiedo un consiglio per mio padre.
È un arzillo ottantacinquenne (giuda, ed è autosufficiente in tutte le sue necessità), lievemente iperteso, soffre di insufficienza renale cronica di grado lieve, che controlla con una alimentazione corretta pur non usando prodotti aproteici, da un po' di tempo, pur facendo tutti i controlli ( analisi, esami cardiologici ecc.) che risultano per età e valori accettabili, si sente un po' stanco e spossato e ha perso qualche chilo, avevo pensato di aiutalo con un integratore, ma so che non sono indicati per chi soffre di insufficienza renale. Ne esiste qualcuno che può assumere per tirarsi un po' su e che non aggravi il suo problema renale?
Vi ringrazio anticipatamente e Vi auguro buona serata

[#1] dopo  
Dr. Decenzio Bonucchi

24% attività
8% attualità
12% socialità
CARPI (MO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Prima di pensare agli integratori (la nuova frontiera per alleggerire il portafoglio dei cittadini) ci potrebbe fornire l'elenco dei farmaci che assume suo padre ? grazie
Decenzio Bonucchi, Nefrologo
Carpi

[#2] dopo  
Utente 277XXX

Gentile Dottore, ringraziandola anticipatamente per la disponibilità, le preciso che mio padre assume una compressa di Mepral, appena sveglio, la cardioaspirina dopo pranzo e mezza compressa di Zestril 20mg la sera. Saluti

[#3] dopo  
Dr. Decenzio Bonucchi

24% attività
8% attualità
12% socialità
CARPI (MO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Bingo ! Parlerei con il suo medico riguardo all'opportunità di continuare un ACE-inibitore a 85 anni. Faccio l'ipotesi che un cambio di terapia antipertensiva possa migliorare sia l'insufficienza renale sia il senso di spossatezza.
Decenzio Bonucchi, Nefrologo
Carpi