Anni e da alcuni anni soffro di ernia cervicale

Buonasera.
Sono un paziente di 48 anni e da alcuni anni soffro di ernia cervicale. Sono stato in cura da un ortopedico che mi ha prescritto una cura farmacologica basata su antinfiammatori, antidolorifici ed integratori minerali ma tali farmaci mi hanno solo attenuato il dolore che si irradia in particolare al braccio destro con una evidente parestesia. Ho effettuato una EMG agli arti superiori con esito negativo ed una TAC il cui esito lo riporto in seguito:
"Diffuse note di spondiloartrosi intersomatica ed interapofisaria; riduzione della rima articolare intersomatica tra C5-C6 e C6-C7 con becchi osteofitosici posteriori marginosomatici. In C3-C4 e C4-C5 si apprezza piccola protrusione eniaria sottolegamentosa del disco a sede mediana paramediana posteriore con conseguente obliterazione del grasso epidurale senza significativa compressione sul sacco durale.In C5-C6 e C6-C7 si apprezza esigua rappresentazione del disco intersomatico con evidenza di protrusione erniaria circonferenziale postero-laterale con evidenza di diffusi segni degenerativi in parte di tipo vacuolare, e lieve compressione sul sacco durale e sull'emergenza delle radici nervose."
Tale dolore cervicale mi impedisce di svolgere una normale attività quotidiana.
Vorrei sapere se esistono cure più adatte al mio caso o se è opportuno intervenire chirurgicamente e in che modo e con che tipo di specialista.
Vi ringrazio anticipatamente per una Vostra repentina risposta.
P.G. da Napoli.
[#1]
Attivo dal 2009 al 2010
Neurochirurgo
Nella sua descrizione, manca il riscontro clinico: lo specialista che l'ha curata in passato cosa ha riscontrato, visitandola?

Il quadro clinico, molto più di quello neuroradiologico, è determinante nel porre un (eventuale) indicazione chirurgica.

Sarebbe opportuno che consultasse un neurochirurgo per un inquadramento clinico e diagnostico del caso.

A disposizione e Buona Pasqua,

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test