Ernia forminale dx l3-l4

Buongiorno.
E' da circa 3 anni che soffro di dolori nella zona lombare. La sequenza degli eventi e' stat la seguente:
1. Raggi X dal quale e' risultata una spondilolistesi, che, oltre a curare con antidolorifici, ho cercato di curare (su consiglio del medico di famiglia) con esercizi di rafforzamento dei muscoli della schiena e di postura presso un centro specializzato
2. Per un bel po' di tempo non ho avuto particolari problemi, se non saltuari mal di schiena, tant'e che ho continuato a fa sport non agonistico (jogging e mountain-bike). Non ho fatto nessuna visita specialistica (ortopedico o neurochirurgo)
3. Da Aprile del 2010, il problema si e' ripresentato in una forma piu' violenta dopo. A questo punto ho fatto una seconda seie di raggi X e per ultimo una Risonanza Magnetica che ha dato i seguenti risultati:
a. Conservata la fisiologia lordosi con somi vertebrali di regolare ampiezza
b. Ernia di Schmorl a livello della limitante somatica inferiore di L4
c. Bulging postero-laterale del disco a livello di D12-L1
d. Bulging posteriore del disco con minimo impegno intraforaminale bilaterale a carico di L2-L3
e. Ernia foraminale dx a livello di L3-L4
f. Bulging posteriore del disco con minimo impegno intraforaminale bilaterale a carico di L4-L5 ed L5-S1
g. Canale vertebrale di regolare ampiezza
h. Non alterazioni di segnale a carico del cono midollare
i. Minime alterazioni di segnale a carico dei dischi come da fenomeni disidrativo-degenerativi.

L'ortopedico che mi ha in cura mi ha parlato subito di intervento per risolvere l'ernia foraminale che attualmente mi provoca una sciatica (intorpidimento della gamba dx fino al ginocchio) che ormai mi perseguita da piu' di 1 mese. L'ortopedico pero' mi ha anche detto che prima di provare con l'intervento, si puo' provare con una cura a base di cortisone e Muscoril (15 gg), per poi passare, se la cura non dovesse produrre effetti genererici, con l'ozono-terapia. Nel frattempo ho interrotto qualsiasi attivita' sportiva, e anche il nuoto (che mi hanno detto avere effetti benefici) che stavo per iniziare.

Vorrei gentilmente avere un parere riguardo quanto mi e' stato detto dall'ortopedico. Infine chiedo che giovamento darebbe la ginnastica posturale e propriocettiva.
Grazie
Francesco Uva
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Gent.le Utente,
non ho capito a quale livello sia la spondilolistesi.
Per quanto concerne la ernia intraforaminale l3-l4, bisogna vedere se è questa la causa della sofferenza. Se sì, si potrebbe pensare ad un intervento in mininvasiva in modo che, se anche fosse questo il livello della listesi, si sarebbe in grado di togliere la sofferenza senza indebolire la colonna (legga i miei articoli in minforma sulla tecnica mininvasiva).
Cordialità

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Delal Corte,
grazie della risposta che mi ha voluto gentilmente inviare.

Le sarei grato se mi volesse dare un parere su una terapia consigliatami dall’ortopedico, il quale al termine della cura farmacologica che ha prodotto buoni risultati (ho solo un formicolio alla gamba dx, abbastanza localizzato, quando sono seduto), mi ha presctitto 10 sedute di ultrasuoni, infrarossi, magneto, tens e massaggi, per poi passare ad esercizi posturali ed al nuoto (anche se quest’ultimo avrei voluto iniziarlo da subito).

Cordialmente,
[#3]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Egregio Signore,
il trattamento conservativo, se efficace sui disturbi sia soggettivi che oggettivi, è sempre utile e, pur restando sempre in allerta, anche da preferire ad un trattamento comunque invasivo.

Mi faccia sapere a quale livello sia la listesi.
Cordialmente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dott. Della Corte,
come da lei richiesto le invio il referto di due radiografie sullo stato della listesi:
1. RX Colonna lombo-sacrale del 06/03/2008
[#5]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dott. Della Corte,
mi scuso della risposta incompleta inviata in precedenza, dovuta ad un errore.
Come da lei richiesto le invio il referto di due radiografie sullo stato della listesi:
1. RX Colonna lombo-sacrale del 06/03/2008
a) Spondilolisi di L5 con modesta spondidolistesi
b) Spondilartrosi T12-L1
c) Spazi intersomatici conservati in altezza

2. RX Anca - Bacino - Colonna Lombo-Sacrale del 05/07/2010
a) Spondilartrosi osteofitica T12-L1 con osteocondrosi discale
b) Lisi dell'istmo interarticolare di L5 con lieve Spondiulolistesi.
c) Non lesioni ossee a carico dello scheletro pelvico con spazi articolari coxo-femorali conservati in altezza.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dott. Della Corte,
e' ormai dal 20 Ottobre che, come da Lei richiesto, ho inviato il referto sullo stato della listesi.
Nel frattempo ho fatto un'altra cura a base di cortisone (punture) dopo un attacco violento di sciatalgia che e' durata 2 giorni, la quale pero' non ha risolto del tutto i problemi, nel senso che continuo ad avere formicolio e/o addormentamento alla gamba sx. Sono pochi i momenti durante i quali non ho problemi.

Le confesso che sono preoccupato.
Le sarei grato se mi desse una risposta.

Cordiali Saluti
[#7]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Egregio Utente,
direi che la spondilolistesi a L5 non interferisca con l'ernia L3-L4.
Non ho capito se i disturbi sono a dx o a sin.(l'ultima volta ha scritto sin. per un lapsus?) e se sono, comunque, dallo stesso lato dell'ernia intraforaminale.
Cordialmente.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Della Corte,
i disturbi che continuo ad avere quasi costantemente sono relativi alla gamba dx, e consistono nella maggior parte dei casi in un intorpidimento fino al ginocchio e qualche volta arrivano fino al piede.
Attualmente come attivita' sportiva faccio nuoto e bicicletta e svolgo ginnastica posturale. Non sto prendendo alcun medicinale (antidolorifico, rilassante, etc.).
Le chiedo come, in base alle informazioni che Le ho riferito, posso ridurre la causa del mio problema, e se in ultima analisi e' necessario l'intervento chirurgico.

Grazie
[#9]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Egregio Signore,
per essere completo nella risposta alle Sue domande, avrei dovuto averLa anche visitato.
Di norma, se una compressione dura da molto tempo e non recede con i comuni trattamenti e la sede causale è in un recesso, quale definirei il forame di coniugazione, mi sentirei di pronosticare una possibile risoluzione del problema con un trattamento chirurgico mininvasivo (d'altra parte i disturbi che Lei descrive sembrano anatomicamente disegnati essenzialmente sulla radice di L3).
A questo punto altri consigli non saprei dargliene.
Auguri cordiali.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa