Utente
Buongiorno,
mio suocero di 81 anni è a letto da dieci giorni per dolore ad una ginocchio (inizialmnete il dolore era alla schiena e poi si è "spostato" al ginocchio (??); il medico di famiglia ha prescritto una RMN COLONNA LOMBOSACRALE integrata con RMN al ginocchio (esito riportato nel seguito). Nel frattempo è stata completata (senza alcun miglioramento) una cura di 4 giorni a base di punture cortisoniche.
Vi chiedo: è una situazione preoccupante? ...è irreversibile?
Grazie infinite per la vostra preziosa disponibilità

RMN COLONNA LOMBOSACRALE
Esame eseguito con tencnica TSE, mediante sezioni sui piani trrasverso e sagittale.
Quesito clinico: lombosciatalgia persistente.
Diffuse modificazioni involutive caratterizzate da iposegnale dei dischi intersomatici e spodilo-artrosi.
ln L2-L3: bulging discale circonferenziale che impronta la parete anteriore del sacco durale e impegna il
settore inferiore dei forami di coniugazione da ambo i lati'
ln L3-L4: bulging discale circonferenziale con associata protrusione discale medio-laterale destra e
conseguente paiziale impegno del relativo forame di coniugazione; concomita a questo livello ipertrofia
artrosióa interapofisaria e legamentosa posteriore con riuzione in ampiezza del canale vertebrale.
ln L4-L5: bulging discale circonferenziale, lievemente asimmetrico verso sinistra ove concomita fissurazione
discale intra-foraminale sinistra; consegue impegno del settore inferiore di entrambi i forami di coniugazione
specie a sinistra. Segni di ipertrofia artrosica interapofisaria e legamentosa posteriore.
ln L5 -S1: bulging discale circonferenziale senza apparenti compressioni radicolari
Regolare il segnale del cono-cauda.
Alcuni piccoli emangiomi sottocorticali, il maggiore di circa 9mm nel soma di L5.

RMN GINOCCHIO DX
Esame eseguito con tecniche TSE e GRE, con e senza soppressione del segnale del tessutoi adiposo,
mediante sezioni sui piani trasverso, sagittale e coronale'
Quesito clinico: non presente in richiesta'
lndagine limitata da artefatti da movimento.
Meniscosi delcorno posteriore del meniscvo mediale'
Regolari per morfologia ed intensità di segnale il menisco laterale, i legamenti crociati ed i collaterali'
Segni di gonartrosifemoro-tibiale, con riduzione dello spessore condrale dei capi articolari contrapposti, e
femoro-rotulea con minuti osteofiti marginali.
Non significativo versamento intra-articolare

[#1]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent.le Utente,
pur con i limiti di ogno consulto on-line, sono portato a pensare che ben potrebbe esserci una componente di compressione radicolare a L3-L4 dx per giustificare la (lombo)-cruralgia presente.
Bisognerebbe che Suo suocero si facesse visitare in ambito neurochirurgico per confermare questa mia impressione a distanza e che si valutasse l'opportunità di risolvere il problema con un intervento di decompressione della radice nervosa lombare.
Anche in considerazione dell'età del paz., sarebbe opportuno valutare la possibilità di un intervento con tcnica percutanea/mininvasiva di cui potrà trovare cenno nei miei articoli in MinForma che ho pubblicato sull'argomento.
A disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.
Cordiali saluti.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio di tutto cuore per la sua disponibilità e gentilezza.
Seguiremo alla lettera i suoi consigli, compreso la lettura dei suoi articoli.
Grazie ancora e complimenti per l'ottimo servizio del sito