Sciatica

Gentili dottori,
Vi descrivo il problema. Tre mesi e mezzo fa ho partorito, con taglio cesareo, la mia seconda bambina. Appena alzata dal letto di ospedale ho cominciato a soffrire di dolore al nervo sciatico. Allattando al seno ho portato avanti questa situazione perché non volevo interrompere di allattare a causa delle medicine e ho " tirato avanti" così per tutta l'estate. Fino a quando, un mese e mezzo fa, il forte dolore mi impediva di fare qualsiasi movimento ( incluso tossire, starnutire, ecc.).il mio medico curante mi ha prescritto iniezioni di bentelan e dicloreum per dieci giorni dunque ho dovuto interrompere l'allattamento.
Successivamente Ho eseguito una risonanza magnetica e il referto espone: bulging disco protusivo dell'anulus discale l5-s1 oblitera lo spazio adiposo epidurale anteriore in sede paramediana posterò laterale sinistra con possibile contatto disco radicolare con la radice emergente a tale livello. Modesto bulging ad ampio raggio dell'anulus discale l4- l5.
Ho eseguito una visita neurochirurgica in cui mi è' stata prescritta una cura di iniezioni ( nuovamente bentelan e lyseen, più protezione per stomaco nexium) per altri 10 giorni e riposo ASSOLUTO. Allo scadere della terapia ho contattato un altro specialista perché, nonostante il riposo e le punture avvertivo ancora dolore. Mi è' stato prescritta altra terapia per quindici giorni ( orudis 200 e protezione stomaco)e ulteriore riposo.
Ad oggi, dopo tutte queste medicine il mio problema persiste, seppure in entità' leggermente più lieve. Possono i dieci chili che ho di troppo influire su questa situazione? L'asimmetria di un centimetro che ho alle gambe e quindi la necessità di plantari, influisce?e' normale che ci voglia molto tempo per guarire da questo malanno? O dopo tutte queste terapie dovrei stare meglio? Si può pensare che la piccola ernia sia rientrata ma il nervo ancora duole? L'ozono terapia puo essere una soluzione? e la fisioterapia? che tra l'altro ho gia iniziato da due sedute.e' da prendere in considerazione l'intervento anche se l'ernia e' molto piccola?Vi prego di rispondere perché il mio problema più grande e' l'avere due bimbe che non posso più prendere in braccio!
Grazie
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,
l'indicazione ad ogni terapia può essere data solo dopo una accurata visita medica e dopo aver valutato gli esami eseguiti ed eventualmente da eseguire.
Dal referto che trascrive e dai sintomi sembrerebbe un'ernia suscettibile di trattamento chirurgico soprattuto perchè la terapia medica sembra inefficace.
Utilizzare farmaci,cortisonici compresi, per lungo tempo può essere a rischio di effetti collaterali maggiori di quelli, in vero minimi, di un intervento di tal tipo.
Un'ernia discale è come il dentifricio nel suo tubetto. Una volta uscito, provi a farlo rientrare!
Può provare a ottenere un consistente calo ponderale,ma tenga presente che anche individui magri e longilinei possono avere un'ernia del disco.
Se in assenza di qualsiasi assunzione di farmaci,con il riposo e senza sollecitare molto la colonna vertebrale, il dolore regredisce può essere segno che l'ernia abbia,in qualche modo, perso la sua forza compressiva sulla radice, ma in tali casi è importante tenere sotto controllo la forza muscolare degli arti inferiori.
L'ozonoterapia ambulatoriale non ha alcunn effetto sull'ernia.
Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti,La saluto con cordialità

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa