Utente
Buonasera,
gia' in passato ho avuto episodi di cervicobrachialgia;ora da ca. un mese ho iniziato prima ad avere dolore al collo lato sx e negli ultimi 15 gg anche al braccio sx sino a meta' avambraccio,inoltre sempre al collo ho una strana sensazione di tensione.

Ho eseguito da una fisioterapista dei massaggi collo/spalla (mi diceva che erano contratture) ma a tutt'oggi il dolore non e' passato e sopratutto lo sento di piu' la notte.

Ho assunto qualche antinfiammatorio (algix 60) ma solo per tre gg perche' ho gia' problemi di stomaco (al momento migliora ma poi ritorna come prima):

Ho fatto RMN cervicale il cui esito e':

Si osserva una lieve scoliosi sinistroconvessa del segmento cervicale.
E'rettilineizzata la fisiologica lordosi.
L'allineamento dei metameri sul piano sagittale e' conservato.
A C3-C4, C6-C7 e, in misura minore, C4-C5 e C5-C6 l'altezza degli spazi intersomatici appare ridotta con irregolarita' delle limitanti ossee per discopatie.
A C3-C4 l'appuntimento spondilotico degli spigoli somatici affrontati posteriormente comporta l'obliterazione dello spazio liquorale e rimodella del tutto armonicamente il profilo ventrale della corda midollare.
L'eversione dei processi unciformi riduce le dimensioni dei canali di coniugazione,rilievo piu' accentuato a destra.
A C4-C5 l'appuntimento artrosico del processo unciforme sn comporta la stenosi del corrispondente canale di coniugazione omolaterale.
Anche C5-C6 e C6-C7 sono ridotte le dimensioni dei caanali di coniugazione, rilievo piu' accentuato a destra.
A C6-C7 si associa consensuale protusione discale lateralizzata a destra.
Nel contesto della corda midollare non si apprezzano alterazioni del segnale di significato malacico.
Non si rilevano anomalie della cerniera cranio-spinale.
Le tonsille cerebellari sono situate in posizione regolare.

Conclusioni:unco-artrosi diffusa,discopatie C3-C4 (con spondilosi e assai lieve impronta midollare), C4-C5, C5-C6 e lieve protusione discale C6-C7 senza mielopatia ne' evidenti erniazioni estruse.

Da profano ci ho capito ben poco e vorrei sapere in definitiva come sono messo e cosa potrei fare per migliorare la situazione di dolore ed eventualmente se e' il caso di fare terapie farmacologiche e/o fisiche (fkt piuttosto che tecar terapia ecc.)

Inoltre chiedo se la chiropratica puo' essere utile nel mio caso o se invece e' peggio.

Grazie.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signore,

E' senz'altro da evitare qualsiasi tipo di manipolazione o trattamento "riabilitativo" in sede cervicale.
Stando al referto la situazione è di un severo processo di spondilo-disco-artrosico.
E' verosimile che la terapia sia di tipo chirurgico, ma a distanza, senza una valutazione clinica diretta, non è possibile confermarlo.
Prima di ogni decisione bisogna probabilmente eseguire altri approfondimenti.
Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano