Recidiva e consigli su ernie lombari

Salve.scrivo per la prima volta in questo sito in quanto ho ricevuto i risultati di una rm lombare e la situazione mi sembra irrisolvibile.ho 35 anni,normo peso e non sedentario.soffro di lombalgie da anni e nel 2012 sono stato operato per una discectomia l5/s1 che ha risolto il problema a livello sciatico.da 6 mesi mi blocco continuamente e soffro di forti dolori lombari e formicolio ad una gamba(faccio punture mensili in terapia del dolore,con risultati scarsi).
Riassumo la risposta della risonanza:
a livello l1 l2 protusione discale mediana e paramediana verso destra con dolce impronta anteriore su astuccio durale,normale il canale vertebrale

a livello l2 l3 impronta extradurale ad ampio raggio da protusione discale,ridotto il diametro saggitale in tale sede,ridotta rappresentazione del grasso epidurale

bulging mediano e paramediano del disco in l4 l5 con dolce impronta anteriore ad ampio raggio su astuccio durale

esiti di emilalinectomia a livello l5 s1 con grossolanifatti aderenziali post chirurgici che cancellano la rappresentazione del grasso epidurale ed avvolgono a manicotto la radice nervosa

stenosi dei forami di coniugazione bilateralmente in l3 l4 e l4 l5

ho cercato di essere il piu' preciso possibile,sono psicologicamente depresso in quanto la situazione mi pare insormontabile.cosa mi consigliate?grazie mille

[#1]
Dr. Paul Tenenbaum Neurochirurgo 160 5
Caro signore,
Le recidive discali e/o i problemi aderenziali-cicatriziali post-operatori nella patologia discale,rappresentano sempre un problema di non facile soluzione,ma non bisogna deprimersi.
La cosa migliore è sempre quella di rivolgersi allo specialista che ha eseguto il primo intervento.Se non è possibile, è opportuno,soprattutto in questi casi, affidarsi ad uno chirurgo esperto in patologia vertebrale perchè potrebbe essere necessaria una valutazione per un intervento decompressivo,ma anche di "stabilizzazione":naturalmente le mie sono considerazioni superficiali,perchè proprio nel suo caso è veramente importante una una valutazione diretta così come un colloquio tra medico e paziente su tutti i vari aspetti del problema,anche in relazione alle giuste aspettative del paziente stesso.
Cordiali saluti
Paul Tenenbaum

Paul Tenenbaum

[#2]
dopo
Utente
Utente
salve.la ringrazio intanto della celerita' della sua risposta.
ho in programma il 24 marzo una visita in neurochirurgia per affrontare la situazione.
I miei dubbi riguardano piu' che altro il percorso da seguire in quanto mi sembra che essendoci problemi su tutte le lombari( i blocchi muscolari sono dovuti a l3 l4 presumo..)la situazione non è facilmente risolvibile.un mio quesito era se fosse possibile utilizzare il laser su varie protusioni per rimuovere le compressioni sulle radici..

resto in attesa di una sua eventuale risposta,ringraziandola comunque.
[#3]
Dr. Paul Tenenbaum Neurochirurgo 160 5
La visita che effettuerà spero risolva i suoi dubbi.
Sul laser lascerei perdere.
Cordiali saluti
Paul Tenenbaum
[#4]
dopo
Utente
Utente
ringrazio di nuovo per il tempo dedicatomi ma mi interesserebbe sapere come mai esclude il laser per via percutanea,in quanto proprio su questo portale se ne tessono le lodi come trattamento mini invasivo.grazie
[#5]
Dr. Paul Tenenbaum Neurochirurgo 160 5
Perché nel suo caso non mi sembra indicato.
cordiali saluti
Paul Tenenbaum

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa