Ernie discali cervcico-dorso-lombari

Salve Gentilissii Dottori, con la presente avrei bisogno di chiedere un consulto ed eventuale consiglio, sullo stato di salute di mia moglie:
Da un po di anni soffre di dolori diffusi alla schiena, in quest'ultimo periodo si sono accentuati, con dolori e debolezza agli arti inferiori e superiori, cervicalgia con problemi a girare il collo ed a sollevare del tutto il braccio sinistro, con dolore fisso al gluteo sx e lombosciatalgia alla gamba sx, inoltre stanchezza già subito dopo sveglia, di seguito descrivo il risultato della RMN effetttuata pochi giorni addietro:
RMN CERVICALE:
Regolare la morfologia ed il trofismo dei singoli metameri, in quadro di tendenza all'inversione della fisiologica lordosi con fulcro anomalo in C5 e presenza di aspetti degenerativi cervicouncoartrosici. Verosimile angioma vertebrale in C5. Modificazione di segnali dei dischi intervertebrali, ridotti in altezza, con fenomeni di ipointensità di segnale nelle sequenze a TR lungo per condizione di discomalacia. Piccola ernia posteriore mediana del discoo in C3-C4. Protrusione circonferenziale con piccola ernia contestuale parasagittale destra del disco in C4-C5 C6-C7 con contatto sul sacco durale a tale livello. Protrusione posteriore mediana paramediana sinistra del disco in C5-C6, con contatto sul sacco durale a tale livello. Regolare morfologia e segnale del midollo spinale.
RMN TORACICA:
Regolare il trofismo e la morfologia dei singoli metameri esaminati, in presenza di fenomeni degenerativi spondilosindesmofitici. Modificazione di segnale dei dischi intervertebrali, ridotti in altezza, con fenomeni di ipointensità di segnale nelle sequenze a TR lungo per condizione di discomalacia. Ernia paramediana ed appena laterale destra del disco D7-D8 e D8-D9. Regolare morfologia e segnale del midollo spinale.
RMN LOMBOSACRALE:
Pseudoipertrofia degenerativa degli elementi posteriori, di lamine, ligamenti gialli e soprattutto massicci articolari. Significativo angioma vertebrale D11, e antero-laterale sinistro nel contesto della spongiosa di S1; angiomi di piccole dimensioni L1-L3. Ernia discale ad ampia base di impianto protrusiva laterale-foraminale sinistra L4-L5, assottigliato e ipotenso su base degenarativa. Minima focalità discopatica contenuta postero mediana L5 S1. Normale in cono midollare.
Il medico curante a detto che non sta messa bene con la colonna vertebrale e di farla visitare da un Neurochirurgo.
Attendo un Vostro cortese parere e consiglio su come ci dobbiamo comportare e a chi eventualmente rivolgerci.
Ringrazio anticipatamente augurandovi buon lavoro.
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
a chi rivolgersi glielo ha già detto il Suo medico Curante ed io confermo.

Detto ciò, il quadro descritto dal referto da Lei riportato è un quadro di cosiddetta "spondilodiscoartrosi vertebrale" che può ben spiegare i sintomi che riferisce.
Ora però deve sapere che non tutto ciò che un radiologo, giustamente e correttamente descrive, ha significato clinico, per cui per poter indicare una terapia, medica o chirurgica (in quest'ultimo caso è necessario precisare con esattezza il livello della patologia significativa) è essenziale la visita dello specialista.

Infatti per esempio se il radiologo descrive 3 ernie, il clinico deve capire, con l'esame obiettivo, quale di esse è responsabile della sintomatologia accusata da un paziente ed eventualmente intervenire su di essa.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
[#2]
dopo
Utente
Utente
Intanto La ringrazio per la celere risposta, volevo chiederLe inoltre, se secondo il suo parere c'e' da preoccuparsi per gli angiomi e se gli stessi possono essere causa, oltre alle ernie, dei disturbi che accusa alla zona cervicale e lombare?
Sempre secondo il suo parere, in base a quanto descritto in precedenza, che tipo di terapia potrebbe essere utile, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico?
In base a queste patologie ci potrebbero essere gli estremi per chiedere il riconoscimento dell'invalidità civile?
Grazie ancora per la sua disponibilità.
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gli angiomi del corpo vertebrale non sono quasi mai un problema.
Come Le ho detto la terapia va decisa dopo una valutazione clinica del paziente.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dottore per la sua disponibilità.
Le auguro buon lavoro
[#5]
dopo
Utente
Utente
Un'ultima domanda dottore, in base a queste patologie potrebbe chiedere l'invalidità civile?
Grazie ancora
[#6]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Dipende da molti fattori che vanno valutati dopo visita e colloquio con il medico legale.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio