Una sciatalgia che pur essendo regredita

Buongiorno, pratico con regolarità la Mountain bike e altri sport in maniera meno frequente quali pattinaggio, ping pong. Premesso che ho una profusione intraforaminale in L5 S1 dx con cui convivo da anni senza grosse modifiche alla qualità della vita nonostante alcune volte mi provoca il riacutizzarsi della lombosciatalgia. Ora é circa un mese e 20 giorni che (non so se possa esserne la causa in data 19 febbraio una caduta in bici ha portato la punta della sella a sbattere contro il gluteo destro) ho una sciatalgia che pur essendo regredita di poco mi porta i seguenti sintomi:
Dolore che parte dal gluteo basso fino al retro esterno coscia sopra l'altezza del ginocchio e raramente in maniera molto più soft al polpaccio.
Dolore che viene accentuato nella posizione seduto soprattutto in auto, tanto che quando scendo per rimettermi in piedi oltre al dolore per qualche minuto sento Delle scariche elettriche dalla natica alla coscia.
Dolore che migliora camminando anche se in pendenza ho la sensazione che la gamba destra sia più corta e la deambulazione non é comunque normale.
Dolore che passa quasi del tutto stando a letto , infatti non ho nessun problema a dormire.
Ho fatto due sedute presso un osteopata che sospetta un trauma sacro iliaco con interesse di una radice nervosa, inoltre ho fatto una settimana di antinfiammatori e cinque giorni di iniezioni con Bentelan e mio tens senza avere risultati positivi se non nei giorni di trattamento. Vorrei sapere se é il caso di eseguire una risonanza lombo sacrale o qualche suggerimento sulla terapia da adottare perché é veramente avvilente convivere con questo dolore.
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 318 197
La descrizione che Lei ha fatto si adatta perfettamente alla diagnosi di sciatalgia. Lei ha inoltre riferito di una condizione, accertata anni or sono, di erniazione discale intra-foraminale destra. Per il fatto che attualmente il quadro clinico si è alquanto modificato oltre che aggravato rispetto a quello precedente, credo che la cosa più opportuna sia che Lei si sottoponga ad una nuova RM di follow-up per compararla con la precedente e, nel contempo, è del pari indicato eseguire un esame elettromiografico a carico dell'arto inferiore destro. Dopo tali indagini, è bene consultare un Neurochirurgo per la valutazione del caso.
Cordialmente

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per il consiglio, volevo chiederle se a suo parere mi conviene fare una risonanza lombo sacrale, o del bacino per escludere eventualmente altre cause dovute alla caduta in mountain-bike.
[#3]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,8k 318 197
RM del segmento LS e se il trauma è stato di una certa entità può essere indicata una X-grafia del bacino.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa