Lombalgia cronica di altalenante intensita

Buongiorno da 2 anni e mezzo soffro di mal di schiena alla zona lombare di punto in bianco mi sono svegliata dolorante e il male non è più passato a volte latente a volte piuttosto forte saltuariamente veramente pesante. La rm e evidenzia questo esito: RIDOTTA LORDOSI LOMBARE. DEFORMAZ A LENTE BICONCAVA, IMPRONTA DA NODULO DI SCHMORL E ZONE DI SOFFERENZA OSSEA FERMATO DA L5 (presumo incidente in auto di 24 anni fa dove si è incrinata la vertebra) IDEM PER S1. SEVERO ASSOTIGLIAMENTO E ALTERAZIONI DEGENERATIVA L5 S1. ERNIA FOCALE SX L5 S1 DI DISCRETE DIMENSIONI LEGGERMENTE IPERINTENSA IN T2. IMPRONTA IL SACCO DURALE E LA RADICE DISCENDENTALE E OCCUPA IL RECESSO LATERALE. CONCOMITA BULGING DISCALE. MINIMA SPORGENZA PREFORAMINALE SX L4 L5.
volevo cortesemente sapere se l esito è da condividere con neurochirurgo perché chirurgicamente o terapicamente potenzialmente sanabile o se sono patologie irreversibili o non abbastanza invalidanti. Prima della lombalgia praticavo molto sport ora solo pilates e camminate. Grazie in anticipo per la disponibilita
[#1]
Dr. Pietro Brignardello Neurochirurgo 389 27
Gentile Sig.ra

il disturbo da Lei lamentato è molto probabilmente causato dalla presenza dell'ernia discale associata a degenerazione del disco stesso a livello L5-S1. E' una situazione che può essere trattata a seconda della sua gravità con terapie conservative fino a quelle chirurgiche. E' sicuramente consigliabile una visita specialistica neurochirurgica per l'inquadramento del problema e per la pianificazione della terapia più adatta. Rimango a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti e La saluto cordialmente

dr. Pietro Brignardello
pietrobri@hotmail.com
www.pietrobrignardello.it

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa