Dolore Lombare-Gluteo

Salve, sono un ragazzo di 23 anni, da circa due anni soffro di un dolore persistente nella zona lombare che non riesco a risolvere, cerco disperamente un'aiuto.

Il dolore colpisce solo la zona destra della schiena/gluteo/anca, è un dolore interno, del quale non riesco a definire esattamente il punto preciso, si propaga comunque nella parte bassa della schiena e nel gluteo destro, anche lateralmente.

Il dolore non è troppo intenso ma è persistente, non passa mai del tutto, si attenua in alcune ore del giorno e si acutizza puntualmente la sera o dopo un'attività fisica come la corsa ad esempio. Da seduto e da sdraiato mi tormenta, sono costretto infatti a cambiare ogni volta la posizione della gamba destra per fare in modo che il dolore si attenui, l'unico momento in cui ho un pò di sollievo è quando cammino, camminando infatti il dolore sparisce temporaneamente. Il dolore è inoltre collegato alla gamba destra, il fastidio arriva fino al piede, che a volte quasi mi si intorpidisce, ogni tanto mi duole anche l'osso sacro.

Dopo qualche mese dal manifestarsi del dolore ho fatto una risonanza magnetica, questo l'esito del referto:
RM RACHIDE LOMBARE
Ridotto in altezza il disco L1-L2 con protrusione discale tra essi posteriore sul piano epidurale.
Conservata la lordosi.

Ho fatto un pò di tutto per risolvere il problema, terapie posturali, 10 sedute di magnetoterapia, 10 sedute di elettroterapia, 5 sedute di tecarterapia nella zona bassa della schiena e 3 sedute di tecarterapia nella zona del gluteo.
Le terapie però non sono servite a nulla il dolore infatti non è cambiato di una virgola.

Sono sempre stato un ragazzo sportivo, cerco di tenermi in forma praticando nuoto o giocando a basket, ma appunto sono limitato da questo dolore.

Da quello che sento non credo sia tanto un problema di schiena quanto muscolare/sciatalgico, leggendo su internet ho visto delle patologie che potrebbero somigliare alla mia: (dolore muscolo psoas, dolore piriforme, dolore tensore fascia lata, borsite trocanterica).

Ho cercato di essere il più chiaro possibile, spero che qualcuno mi aiuti, attendo una risposta.
Grazie mille.
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Dai sintomi che descrive sembrerebbero interessate le radici che vanno a formare il nervo sciatico e precisamente le radice L5 ed S1.
Lei riporta in modo del tutto scarso il referto della RM. Infatti non è dato sapere la condizione degli altri livelli lombari ovvero dalla vertebra L2 a quella S1
Anche se comunque non sarà utile per una diagnosi precisa, provi a copiare tutto il referto.

Cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, come da sua indicazione invio gli ulteriori dati in mio possesso.

2012: RX colonna lombo sacrale (il dolore non era ancora insorto)
Buono il trofismo calcare/Vertebre lombari in asse con iperlordosi/Impronte discali sui piatti somatici contrapposti dei metameri e particolarmenteL3, L4 ed L5/Meno ampio all’estremo posteriore lo spazio L5-S1/Non significative listesi/Regolari i profili degli psoas.

2016: RM rachide lombare
Ridotto in altezza il disco L1-L2 con protrusione discale tra essi posteriore sul piano epidurale/Conservata la lordosi/Non altri rilievi significativi per i dischi esaminati/Normale l’ampiezza del canale spinale/Nei limiti le articolazioni posteriori/Normale il segnale delle strutture scheletriche e nervose/Soddisfacente il trofismo muscolare

Aggiungo il referto di una recente visita ortopedica:
Deambula con carico completo senza zoppia/Non deficit di forza e non deficit dei rot agli arti inferiori/Sensibilità superficiale conservata/Lasegue – bilateralmente/Wasserman – bilat./Delitata/Non dismetrie agli arti inferiori/Ndp all’anca paravertebrale/Modica dolorabilità in regione glutea dx/Non segni clinici di sacroileite.

Se i dati descritti sono insufficienti per la definizione di una diagnosi, quali altre indagini consiglia utili effettuare? E quali eventuali terapie fisiatriche?
Ringrazio e saluto cordialmente
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
In effetti, dai referti riportati, non emerge una precisa corrispondenza con i sintomi riferiti.
E' verosimile che siano necessari ulteriori approfondimenti, ma la loro indicazione deve scaturire a seguito di una visita medica, quindi impossibile a distanza.

L'unica cosa che posso consigliarle è di ripetere una RM lombosacrale, in considerazione che dall'ultima saranno passati più di 3 mesi.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Se la risonanza non dovesse evidenziare nessuna nuova anomalia come mi dovrei comportare?
Grazie ancora
[#5]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Incominci con la RM poi si vedrà

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa