Utente
Salve professori,
Io ho sul disco L4 L5 in a guito a uno sforzo eccessivo ho disidratazione e degenerazione di tipo modic 1
per altri problemi come un dente e una unghia incarnita ho dovuto fare due cicli di antibiotico agumentin, ora praticamente mentre ero sotto cura e nei giorni a venire non ho avuto alcun problema di dolore o fastidio sui lombari mi sono reso conto che non può essere stata una casualità. cosa Mi suggerite in merito? si potrebbe stabilire un piano terapeutico con antibiotici per sconfiggere un eventuale batterio o altro? vi ringrazio e vi saluto cordialmente.

[#1]  
L'antibiotico non è un antidolorifico. Una infezione del disco si chiama discite e non si cura con un semplice antibiotico ma con terapia mirata.
Non mi pare però che dal reperto riportato si faccia accenno a un sospetto di infezione discale.

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille professore,
Le illustro la mia situazione.
Disidratato appare il disco intersomatico L4-L5 con associati fenomeni degenerativi tipo MODIC 1 dei contrapposti piani vertebrali e note di spondilosi.
A livello di L4-L5 si rileva protrusione discale ad ampio raggio con lieve impegno intraforaminale a sinistra e associata piccola ernia discale paramediana destra in conflitto con la radice omolaterale contigua.
Regolare per morfologia e segnale il cono midollare e le radici della cauda.

Lei parlava di una terapia mirata,io prendo gabapentin da 300 e vitamina D, con questa cura non sto benissimo, e con un semplice antibiotico sono stato molto meglio, forse perché è a base di acido clavulanico? Puo essere un'infiammazione a farmi stare sempre pochino male? Infatti con antibiotico e antidolorifico sto sempre meglio, quindi non saprei cosa fare.

[#3]  
Intendevo una terapia mirata in caso di discite che non sembra esserci.
Se Lei sta un po' meglio con antibiotioco e antidolorifico è per l'antidolorifico e non per l'antibiotico

[#4] dopo  
Utente
https://www.google.it/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://gss.it/gss/php/ecm/2014_1/pdf/RL2014125.pdf&ved=2ahUKEwiE37HYibLbAhWiL8AKHY06CYIQFjABegQIAxAB&usg=AOvVaw12qJx1MQy9UXO5LgJzI-I3

Dia un'occhiata, è proprio il mio caso.
Il problema è che 100 giorni di antibiotico non so quale dottore me lo prescriverebbe ma vorrei proprio provarlo.

[#5]  
Non riesco ad aprire il link

[#6] dopo  
Utente
Le ho inviato una mail.

[#7]  
Egr. signore,
ho ricevuto la email con allegato il documento cui fa riferimento il link e qui pubblicamente Le rispondo.

Le alterazioni tipo Modic non sono altro che la formazione di un edema dovuto al sovraccarico di una o più vertebre interessate a causa di un disco disidratato che non consente di ammortizzare i carichi che la colonna vertebrale deve sostenere.

Le ipotesi che il lavoro citato avanza, come affermano alcuni Autori e che ovviamente condivido, hanno bisogno di conferme ulteriori.
Si dovrà capire, per esempio, perché un batterio che infetta il disco dovrebbe produrre solo il segno di Mobic e non una ben più grave e invalidante discite.

In ogni caso, pur volendo accettare come risolutiva la terapia antibiotica, l'uso prolungato di tali farmaci non è esente da complicanze molto più gravi di una banale lombalgia.

Se le cose stanno come Lei le ha raccontate , può provare alla comparsa del dolore ad assumere l'antibiotico per 10 gg. e successivamente, se è regredito, osservare dopo quanto tempo dovesse ricomparire.
Deve però tener conto che il sovraccarico comunque resta invariato e quindi sempre fonte di lombalgia, il che potrebbe far ritenere che l'antibiotico sia efficace.

C'è poi da dire che una infezione del disco nella maggior parte dei casi è dovuta a inquinamento chirurgico e, in minima parte, a germi contenuti in ogni individuo.

Inoltre la lombalgia causata dall'edema di Mobic non ha un andamento costante, per cui periodi di acuzie e regressione del dolore possono coincidere anche con l'assunzione dell'antibiotico.

Il Suo caso va valutato attentamente e se ne sussistono le condizioni si può prospettare l'intervento di artrodesi (cioè stabilizzare le due vertebre interessate) sempre meno rischioso di 100 giorni di antibioticoterapia.

Cordiali saluti

[#8] dopo  
Utente
Grazie professore,considerando la mia situazione e pur facendo un lavoro leggermente pesante, non ho mai avuto fasi da dover rimanere a letto, un po di dolore c'è sempre, ma la stabilizzazione potrebbe comportare il cambiamento della mia vita. A quanto leggo, tanta gente non ha risolto ne il dolore ne il problema meccanico ne tantomeno riescono a sollevare es. 20 kg. Inoltre la mia degenerazione con modic1 e tutto il resto è stato causato non da altro ma da un trauma, che spero nel tempo si possa risolvere per via naturale, con le staminali, o con nuove tecniche mini invasive che si vocifera sono in cantiere quasi ultimato.
La ringrazio per i suoi preziosi commenti e semmai lei abbia qualche suggerimento sarei felice di ascoltarla.
La saluto cordialmente.

[#9]  
Vedo che Lei ne sa più di me.
E allora decida senza chiedere pareri che, con un po' di presunzione, Lei pensa di criticare ribattendo con argomenti del tutto sbagliati.

[#10] dopo  
Utente
Professore, lei mi ha frainteso. Io ho paura a fare la stabilizzazione perché temo che possa cambiare tutto.
In merito agli studi in corso è una cosa che ho letto sul web e mi auguro che sia vera. Per il resto non so che dirle, le diverse cure che ho intrapreso non mi hanno fatto passare il dolore, anche se non è mai stato forte.
Le chiedo scusa se ho sbagliato.

[#11]  
No ! Lei non ha sbagliato nei miei confronti, quindi non c'è bisogno di scusarsi. Sbaglia però se, nonostante il parere di un medico competente nel settore, Lei rimane della Sua opinione… padronissimo !

Cosa Le devo dire? Auguri! Si curi con gli antibiotici .