Utente
Buongiorno,
scrivo per chiedere un parere, consiglio o semplice aiuto in merito a mia nonna, che da un mese lamenta male alla mandibola(ora moderata) e soprattutto alla gola, durante il parlato e la deglutizione(tanto).
In un primo luogo le hanno detto essere faringite da reflusso, prescrivendole LUCEN 40 da aussumere per 15 gg, piú antinfiammatorio come tachipirina o brufen, ma il disturbo non cessa!
Abbiamo fatto anche una visita dall'otorinolaringoiatra che sospettava "cisti glosso epiglottica" , smentita con la laringoscopia.
Abbiamo fatto anche una lastra ai denti, risultata nella norma. Ad oggi siamo indirizzati verso una visita neurologica, perchè, informandomi su internet si parla spesso di nervo trigemino.
Ripeto, il suo disturbo consiste nel sentire dolore alla mandibola nel parlaro e nella masticazione, ma soprattutto dolore alla deglutizione. Preoccupata ed esausta chiedo aiuto.
Saluti, Rossella.

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Cara Rossella,
Lei ha fatto una descrizione abbastanza attendibile per porre un sospetto di diagnosi di nevralgia del glossofaringeo, che è il IX nervo cranico. E' una sindrome rara, molto affine alla nevralgia del trigemino, caratterizzata da attacchi brevi e intermittenti, da diversi secondi ad alcuni minuti, ma che causano un dolore lancinante. I fattori scatenanti possono essere masticare, deglutire, parlare, sbadigliare, tossire o starnutire. Il dolore, in genere unilaterale, si localizza sulla parte posteriore della lingua o della gola, con tendenza ad irradiarsi all’orecchio o alla mascella. La diagnosi deve essere confermata da una visita neurologica e potrà essere necessario effettuare qualche esame specifico, come la Risonanza Magnetica. Ciò servirà a determinare la causa, che potrebbe ad esempio consistere in un conflitto neuro-vascolare.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per questa sua risposta esaustiva. Le chiedo se è possibile, dunque, intervenire ''semplicemte''con appositi farmaci (dopo ovviamente consulto e competenza neurologica) e se possiamo tranquillizzarci senza pensare a nulla di pericoloso (spero di si)!
Solitamente come o con che cosa si agisce, se si tratta di conflitto neuro-vascolare?
Grazie nuovamente.

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Procediamo con ordine: primo bisogna confermare la diagnosi e se è così il Neurologo sa quali farmaci usare in quel caso; se è quella la diagnosi si richiede un approfondimento con RM per ESCLUDERE altre cause, fra cui il predetto conflitto neuro-vascolare.
Sono passi obbligati in successione logica.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente
Gentilissimo.
Il conflitto neuro vascolare è pericoloso? Preoccupante? Spero venga, la nonna, indirizzata bene. Grazie.

[#5]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara ragazza,
La nevralgia del glossofaringeo può essere causata dalla compressione del nervo da parte della pulsazione di un'arteria aberrante, ma sono possibili anche altre cause oppure non trovarsi alcuna causa (forma idiopatica). L'importante è porre correttamente la diagnosi effettuando le indagini previste.
Auguri per la nonna.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it