Utente 554XXX
Buongiorno
Ho da parecchi anni due leggere ernie cervicali c5-c6 e c6-c7 che infatti non mi hanno mai dato grossi fastidi. Purtroppo a causa di traumi vari sportivi e lavori pesanti, quella di c6-c7 tutto d’un tratto è peggiorata (la sera stavo bene, la mattina dopo malissimo).
Dolori fortissimi al muscolo pettorale destro e al trapezio destro fino giù alla mano, con immediata parestesia del dito indice e medio. Dopo l’iniziale cura del P.S. e una prima visita neurochirurgica, ho effettuato RMN e elettromiografia e iniziato terapia cortisonica.

Emg: riduzione al reclutamento in assenza di franchi segni di denervazione acuta e/o cronica bei muscoli tricipite ed estensore radiale dx. Reperti compatibili con recente sofferenza neuroaprassica della radice C7 dx

RMN: C5-C6 ernia discale subligamentosa mediana para mediana dx impronta la superficie ventrale dell involucro meningeo e determina abolizione dello spazio liquidare perimidollare anteriore.
C6-C7 ernia discale pre-intraforaminale dx impegna il forame di coniugazione omolaterale determinando conflitto disco-radicolare con la radice C7


Dopo seconda visita e lettura referti il neurochirurgo conferma voluminosa ernia C6-C7 preforaminale destra e mi pone indicazione di intervento di microdiscectomia per via anteriore.
Mi ha detto che purtroppo in questa condizione, ( braccio debole, formicolio e insensibilità delle due dita indice e medio) l’unica via è l’intervento senza possibilità di provare terapie di recupero o conservative che risulterebbero inefficaci in questo caso è mi farebbero solo perdere tempo con nervo compresso.
Concludo dicendo che grazie alla terapia intrapresa ho avuto subito un parziale miglioramento della sensibilità e forza e riduzione del formicolio che però si è assestato al 40/50% del totale e oramai sto finendo la terapia prescritta.

Volevo un parere se effettivamente è una situazione da oparere velocemente o se, nel caso ci fossero terapie migliorative, ci sia il tempo per poter provare senza rischiare una compromissione della funzionalità del braccio e della mano.

Ringrazio chi vorrà darmi una gentile risposta.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signore
stando ai Suoi sintomi, all'EMG e alla RM non credo si possa evitare l'intervento. Ma un parere definitivo si può dare visionando direttamente gli esami ed effettuando un accurato esame clinico.
Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 554XXX

Grazie mille Dott. Migliaccio per la sua celere e gentile risposta, purtroppo non fa altro che confermare quando detto dal suo collega che mi ha visitato. Non che non mi fidassi ma una voce autorevole in più è sempre gradita.
Un ulteriore informazione se possibile: visto che anche la c5-c6 non è proprio messa bene, una volta fatto intervento per la
c6-c7 e relativa riabilitazione, cosa potrei fare per provare a migliorare almeno quella, ci sono terapie ( manuali, farmacologiche, ozonoterapia ecc..) per far sì che una ernia possa dare meno problemi?,

La ringrazio ancora per la cordialità e professionalità.

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Vanno asportate entrambe le ernie.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#4] dopo  
Utente 554XXX

Egregio dott.Migliaccio
Anche se non mi sta dando una bella notizia La ringrazio per la sua ulteriore celere risposta.

[#5]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Guardi che asportare una o due ernie applicando le cages non comporta alcun problema
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano