Utente 489XXX
Buongiorno Egregi Dottori,

Da 1 mese riferisco dolore congruo a una lombosciatalgia.
Il dolore alla zona lombare è un dolore non acuto, ma sordo, non centrale ma più verso il lato sx. Tuttavia non mi impedisce nei movimenti, nel flettere la schiena sento solamente tirare, come se i muscoli fossero più rigidi.
Per quanto riguarda l’arto sx invece ho avuto senso di formicolio al piede per qualche settimana che poi si è trasformato in un senso di avere il piede congelato, dolore al tallone, dolore al polpaccio e dietro al ginocchio. Lieve dolore dietro la coscia.
Saltuariamente sentivo la sensazione che il ginocchio cedesse.
La RMN vista dal radiologo non evidenziava nulla di anomalo, mentre quando è stata analizzata da un vs collega Neurochirurgo mi è stato detto: Edema delle faccette articolari L5/S1
Elettromiografia arti inferiori completamente ok, tranne presenza di clonie arto sx individuate solamente all’inizio dell’esame.

Ovviamente nei limiti del consulto online, chiedo se questo edema della faccette articolari L5/S1 può causare tale sintomi. Eventualmente a chi potrei ancora rivolgermi per venirne fuori? Neurologo? Ortopedico? Fisiatra?

Per ora l’unica cosa che mi è stato detto di fare è riposo e 1 cp ibiprofene 600mg al mattino

Ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Paziente,
Debbo premettere che per definizione la sindrome delle faccette articolari causa una lombalgia (evocata particolarmente mediante la estensione della colonna) che si irradi al massimo al gluteo ma non oltre. Generalmente, quando si sospetta questa condizione, si esegue il test di soppressione mediante iniezione di anestetico, sotto guida TAC, nella faccetta che si sospetta di essere implicata nell’origine della sindrome. Poiché lei riferisce un dolore irradiato al piede, la patogenesi è differente e comporta un interessamento del nervo sciatico sulla cui natura deve essere fatta luce in maniera appropriata.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it