Utente
Salve, circa 6 mesi fui ricoverato per un presunto problema neurologico(instabilità posturale ) , sostanzialmente ne venne fuori nulla e l'ipotesi è tutt'ora legata alla mia crescita improvvisa all'eta di 18 anni dove crebbi di ben 20 cm( ora sono 1.84) contro il metro e 60 di prima( sono fisicamente molto magro). questa crescita può aver influenzato i tessuti nervosi che stanno tutt'ora adattandosi al mio corpo( ho 21 anni adesso). Gli esami sostenuti risultarono tutti negativi(risonanze , liquor , potenziali focali) compreso l'ultimo controllo risalente a fine gennaio( risonanza con contrasto). E' da un paio di giorni però che soffro di un formicolio ai piedi con piccoli dolori ai muscoli inferiori della gamba....ho un ulteriore risonanza di controllo tra 4 mesi ma anticiperò i tempi e andrò di nuovo dal neurologo a costo di sembrare paranoico anche perchè su internet, dei miei sintomi, se ne leggono di tutte, compresa la sclerosi multipla e ciò non mi conforta certamente

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non pensi a malattie importanti. Se la Risonanza di controllo è encefalica Le consiglierei di effettuarla pure alla colonna lombo-sacrale per un eventuale problema discale. Consigliabile sarebbe pure un'EMG agli arti inferiori.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta, a gennaio feci anche la risonanza al midollo e radiografie alla schiena in quanto soffro di mal di schiena dovuti ad una insufficiente muscolatura.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se a gennaio le Risonanze erano negative (ha fatto anche quella lombare?) probabilmente non conviene effettuarle dopo soli tre mesi.
Consulti soltanto il neurologo se il fastidio dovesse persistere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro