Utente
Salve,
mio padre ha 71 anni, è sempre stata una persona attiva e ha sempre goduto di ottima salute, fino all'anno scorso quando è caduto in depressione in seguito ad una malattia di mia madre (che poi per fortuna si è risolta). Da allora il nostro medico di base lo ha sempre curato con svariati antidepressivi e ansiolitici (dropaxin, cymbalta, xanax, e un altro che purtroppo non ricordo), senza alcun risultato. Oggi, infine, ha fatto una visita psichiatrica. Il dottore ha confermato lo stato depressivo di mio padre e ha diagnosticato un principio di morbo di parkinson, dando però poca importanza a quest'ultimo. Io mi sono documentata su internet, e ho riscontrato che in effetti mio padre ha i seguenti sintomi: lieve tremolio alle mani, abbassamento della voce, debolezza generale, soprattutto nelle gambe, stanchezza, irritabilità e depressione.
La cura che gli ha prescritto: Sertralina, Xanax, e Madopar. Io, nella mia ignoranza, mi chiedo: che senso ha prescrivergli ancora antidepressivi? Ho visto che solo Madopar cura il morbo di Parkinson, e visto che la depressione fa parte di questa malattia, non dovrebbe quest'ultimo medicinale curare anche la depressione?
Chi soffre di questa malattia, può riscontrare miglioramenti? Quali altri accertamenti o cure potrebbe fare? Lo so, non è facile dare una risposta precisa online, ma sono veramente preoccupata, e chiedo di essere indirizzata verso la strada migliore per aiutarlo! Vorrei rivedere quell'uomo attivo e pieno di vita che era fino a poco tempo fà...
Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

per la malattia di Parkinson lo specialista di riferimento è il neurologo. Vanno valutati tanti segni con un'accurata ed approfondita visita neurologica.
Quale dosaggio di Madopar è stato prescritto?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Il dosaggio di Madopar che gli è stato prescritto è 200 mg + 50 mg..

[#3] dopo  
Utente
Nessun'altra risposta?...

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per quanto riguarda la depressione questa va curata con antidepressivi e la Sertralina è indicata. Le ricordo che circa il 40% dei parkinsonismi esordisce con una sindrome depressiva.
Quante cpr di Madopar 200/50 assume al giorno e da quanto tempo?
Dr. Antonio Ferraloro

[#5] dopo  
Utente
Grazie per la risposta Dottore.
Questa cura gli è stata prescritta ieri, e inizierà a prendere Madopar questa sera. Non vorrei sbagliarmi, ma dovrebbe assumere 1/4 di compressa due volte al giorno.
Cosa ne pensa?
E riguardo a quanto ho chiesto sopra?
Grazie mille.
n.b. E' possibile diagnosticare il morbo di parkinson solo tramite una visita e senza esami approfonditi?

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il dosaggio iniziale del madopar mi pare corretto. Con gli attuali farmaci antiparkinsoniani è possibile ottenere miglioramenti sensibili e una migliore qualità della vita ma allo stato attuale non esistono farmaci che guariscano la malattia.
La diagnosi è fondamentalmente clinica, si basa cioè sulla visita ma, Le ripeto, che lo specialista di riferimento deve essere il neurologo. Eventuali esami, sempre su indicazione del neurologo, sono utili per differenziare tra loro alcune forme di parkinsonismo ma la diagnosi è essenzialmente clinica e non strumentale.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore,
mi ha fatto molta chiarezza.
Un'ultima domanda: crede sia opportuno anche l'uso dello Xanax in abbinamento agli altri due farmaci che le ho elencato?

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non avendo visitato Suo padre non posso esprimere un parere in merito ma se lo psichiatra l'ha prescritto deve assumerlo, magari non per un lungo periodo ma chieda consigli allo specialista che l'ha in cura.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
mi rivolgo di nuovo a Lei, o qualunque altro specialista voglia rispondermi: ho letto che l'uso di alcuni antidepressivi può provocare il parkinsonismo, è vero? Perchè se così fosse, la malattia di mio padre, potrebbe essere stata causata dai farmaci che ha assunto da un anno a questa parte, è possibile?
Altra domanda: che differenza c'è tra il morbo di parkinson ed il parkinsonismo? Sono la stessa cosa oppure no?
Grazie.

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

quali farmaci antidepressivi ha assunto Suo padre nell'ultimo anno? Comunque i sintomi parkinsoniani (non la malattia) che alcuni antidepressivi potrebbero causare sono generalmente reversibili dopo la sospensione della terapia.
Oggi col termine di parkinsonismi s'intendono tutte le sindromi che provocano sintomi parkinsoniani, tra questi c'è la Malattia di Parkinson che è la forma primaria più frequente, poi esistono i parkinsonismi secondari (da farmaci, vascolari, ecc.).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente
Nell'ultimo anno mio padre ha assunto Dropaxin, Cymbalta, Levopraid, Xanax.
Cosa ne pensa?

Grazie.

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

tra i farmaci da Lei menzionati soltanto il levopraid potrebbe provocare parkinsonismo detto "iatrogeno".
Comunque in genere tale effetto è di modesta entità e reversibile alla sospensione del farmaco.
Pertanto, con tutti i limiti del consulto on line, tenderei ad escludere un'origine farmacologica della sintomatologia di Suo padre.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente
La ringrazio ancora Dottore.

Cordiali saluti.