Utente
Buongiorno a tutti...sono una ragazza di trent'anni.premetto di essere diventata abbastanza ipocondriaca e di essere una persona molto ansiosa a seguito di brutte esperienze avute nella vita...Comunque la mia domanda è questa...soffro di pressione bassa e in questi giorni più che mai mi sento molto molto debole.stamattina mi è successa una cosa una cosa un po' strana...mi sveglio alle 8 di mattina per il troppo caldo e vado un attimo in bagno...mi rimetto a dormire..avrei dovuto fare molte cose questa mattina ma alla fine mi sveglio a mezzogiorno di colpo con la tachicardia e agitandomi perché era molto tardi. di scatto mi alzo e mi cede una gamba...non svengo,sono completamente lucida ma con una gran tachicardia...mi riappoggio sul letto, provo a rialzarsi e niente la gamba ancora cede.passa un minuto e mi formicola un po' la gamba dopodiché torno tranquillamente a camminare...tranquillamente per modo di dire xche e da stamattina che non faccio altro che leggere su internet sintomi Su Sm e ischemia...sto malissimo,mi sono veramente agitata...Secondo voi dovrei lasciar correre un episodio sporadico o dovrei farmi visitare e fare qualche analisi.grazie mille aiutatemi

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è probabile che l'arto fosse "addormentato" in base a determinate posture che determinavano la compressione delle strutture nervose, questo è un fenomeno abbastanza frequente a verificarsi. La risoluzione del problema nell'arco di qualche minuto rafforzerebbe questa ipotesi.
Se dovesse avvertire degli esiti si rivolga al Suo medico curante per una valutazione diretta.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie infinitamente.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, buona domenica!
Dr. Antonio Ferraloro