Utente 376XXX
Gentili dottori,
Sono 8 anni che soffro di vertigini soggettive e una pesantezza alla testa persistente che mi porta ad uno stato di ansia..da premettere che ho fatto tutte le visite organiche e sono risultate tutte negative..sono 8 anni che assumo antidepressivi perché il neurologo mi ha detto che tutto questo é una somatizzazione d'ansia..Da due giorni il medico curante mi ha prescritto arleventan e devo dire che le vertiginI si sono attenuate..cosa ne pensate?È da dire che ho una disfunzione cranio mandibolare..può essere questa la causa di questa persistente vertigine soggettiva e pesantezza alla testa?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Ronzani

28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MORLUPO (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile utente, le visite mediche e gli accertamenti effettuati depongono per sintomi di origine psicosomatica; non appaiono solidi motivi per dubitare degli accertamenti effettuati, come del resto, lo stato d'ansia viene ben percepito. Si può comunque ipotizzare che la terapia farmacologica con antidepressivi non abbia portato i benefici sperati, utile a questo punto considerare una riformulazione del percorso terapeutico, sia esso con soli farmaci o la psicoterapia. Sarà eventualmente il suo specialista, in base a quanto rilevato se proporle la sola psicoterapia o eventualmente associata a farmaci.
Cordiali Saluti

dr Giovanni Ronzani

[#2] dopo  
Utente 376XXX

Grazie per la risposta,
Ho cambiato tutti i tipi di antidepressivi possibili e l'unico che mi ha fatto un po effetto è l'anafranil ..non ho mai provato la psicoterapia ma sto prendendo in seria considerazione l'ipotesi di iniziare un percorso..