Utente
Premetto che ora ho 19 anni.Quando ne avevo 14,correndo su un pavimento di marmo bagnato,sono scivolata e caduta con la testa all'indietro.Il trauma è stato consistente,considerando che ero alta 1,68 ed ero in sovrappeso.Ma,nonostante ciò,a parte una leggera confusione mentale,non ho mostrato più alcun sintomo,così non ho fatto alcun controllo.Nei mesi successivi(e ancora oggi)ho sofferto di diverse forme d'ansia e di attacchi di panico,e credo di una leggera paranoia che negli anni della mia adolescenza mi ha fatto avere problemi a socializzare.Ho avuto anche altri traumi cranici di simile entità(frequentavo un corso di nuoto,e nuotado a dorso,non accorgendomi che la vasca era finita,ho sbattuto la testa contro il muro del bordo della piscina e qulache mese dopo una bracciata di un uomo corpulento è finita proprio sulla mia testa).In quest'ultimo anno,più di una volta ho preso gomitate dietro la nuca perchè mia madre(credo che sia la vecchiaia)è diventata terribilmente sbadata.Prima di queste ultime botte,su mia insistenza mi sono recata da un fisiatra perchè accusavo dolori dietro la nuca.Mi è stato trovato con un'ecografia un'ispessimento del periostio in regione occipitale nella regione dove presi il primo trauma(solo lì hanno controllato)e poi,sospettando problemi di cervicale,mi hanno prescritto una risonanza magnetica e una radiografia in zona cervicale,nonostante io avessi insistito per frami controllare il cranio,dalla quale si è evinto una retilinizzazione del rachide cervicale e una protusione del disco tra c5 e c6.I sintomi che dimostro al giorno d'oggi sono mal di testa,ansia,attacchi di panico,irritabilità,momentanei attacchi depressivi,fame nervosa e spesso incapacità di rendermi conto di cosa e quanto ho mangiato.La mia domanda adesso è:tutto ciò è dovuto a questi traumi cranici?E sopo quanto tempo si deve far passare tra una risonanza magnetica e l'altra?
Vi ringrazio infinitamente.

[#1]  
Cara ragazza,
i Suoi sintomi non dipendono dai banali traumi cranici riferiti.
Non posso giudicare sulla protrusione cervicale non potendola valutare direttamente.
Non ci sono evidenze cliniche e sintomatologiche da dover giustificare un esame RMN del cervello.
Forse avrebbe bisogno di essere rasserenata, per evitare quei disturbi che riferisce, da un buon colloquio con il Suo medico.

Cordialmente

[#2] dopo  
Utente
grazie per la risposta

[#3] dopo  
Utente
ho dimenticato però di dire che da due anni soffro di bulimia nervosa.Anche in questo caso non c'è un nesso?
So che già ho avuto la mia risposta dal gentilissimo dottor Migliaccio,però davvero,sono molto preoccupata,se qualcuno può rispondere lo ringrazio tantissimo.