Utente 504XXX

Buonasera dottori, avrei bisogno di un parere. Da un anno ho fortissimi dolori al pube che si irradiano in zona vaginale colpendo clitoride, uretra e a volte vagina. In più si ggiunge spesso lo stimolo forte di urinare anche se non c'è urina. Riesco a trattenere grandi quantità di urina e quando urino non provo dolore. Ho fatto le analisi delle urine ma non risulta nulla. I dolori si intensificano se faccio sforzi e movimento e migliorano se applico calore. Spesso si allungano alle cosce e peggiorano in ovulazione e prima del ciclo. Preciso che sono affetta da obesità grave e ho una pancia prorompente che da sola pesa sui 15 chili. Mi è stato specificato che potrebbe trattarsi d nervo pudendo è possibile?

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
dal suo resoconto anamnestico sembra di poter individuare il quadro patognomonico della sindrome di Alcock, che descrive la condizione di sofferenza del nervo pudendo per intrappolamento e compressione sotto i legamenti del sacro o nel canale muscolo-fibroso di Alcock. Il sintomo fondamentale è il dolore neuropatico riferito, come nel caso suo, alle aree genito-vescico-rettali, scatenato dal sedersi o da altre attività che implichino una ulteriore compressione del nervo.
La diagnosi non è sempre agevole. E' fondamentalmente clinica ma può trovare supporto in indagini funzionali, quali l'elettromiografia perineale.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 504XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta, volevo porle una domanda.
Secondo lei dimagrando o operando la pancia si potrebbe risolvere spontaneamente la sintomatologia dolorosa?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Innanzitutto, cara Signora, la diagnosi deve essere confermata attraverso un attento e specifico esame clinico. Poi, in sub ordine, si possono considerare le possibilità terapeutiche dirette ed indirette, quali i provvedimenti ausiliari da lei citati.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it