valutazione referto elettroencefalogramma

Di seguito referto elettroencefalogrammma:
Tracciato caratterizzato da ritmo di fondo alfa a 9-11 hz rappresentato sui territori temporo-parieto-occipitali dei due emisferi , simmetrico di medio voltaggio regolare e stabile. Reazione d'arresto presente.Assenza di periodi di sonnolenza e sonno spontaneo nrem.
Durante la registrazione si osserva la comparsa di gruppi di sequenze di onde lente theta a 5-7 c-s di media ampiezza polimorfe localizzate in sede fronto temporale di sinistra con saltuaria trasmissione sulle regioni omologhe controlaterali. la sli non induce attivazioni patologiche.
Conclusioni tracciato caratterizzato dalla presenza di discrete anomali lente ad espressione fronto-temporale sinistra con saltuaria trasmissione controlaterale.

Il paziente ha 42 anni e i sintomi per cui effettua questo esame sono disturbi visivi in particolare in seguito ad utilizzo di pc,telefonini, ma anche la lettura di alcune pagine di un libro innesca visione distorta, bombata come immagini in bassorilievo, i pavimenti per esempio vengono visti come fossero ondulati. Esame oculistico nella norma. Leggera exoforia. Rmn negativa.
Secondo lei dottore cosa dice il tracciato?potrebbe spiegare i motivi di queste problematiche visive?
grazie
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,9k 329 223
Gentile Utente,
il caso che lei espone è davvero singolare e suscita il mio interesse. Esclusa una componente oftalmologica e la presenza di lesioni a carico dell'encefalo, come attestato sia dalla visita oculistica che dalla risonanza magnetica, resta da inquadrare la fenomenologia descritta come espressione di una probabile epilessia temporale che potrebbe essere sospettata sulla base del reperto elettroencefalografico. In ordine ad un più dettagliato approfondimento potrebbe essere utile eseguire un monitoraggio delle 24 ore dell'EEG attraverso una registrazione Holter-EEG.
Mi tenga informato.
Cordialmente

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test