Utente
Salve,
sono una ragazza di 23 anni e faccio una vita abbastanza stressante – lezioni dalla mattina alla sera, studio, internato, urgenze. Bene o male dormo abbastanza, raramente salto i pasti.
Circa 3 anni fa è cominciato un continuo ma lento aumento di peso
Da 2 anni stanchezza, improvvisa sonnolenza, mancanza di concentrazione, dei “ black out” improvvisi – sono fisicamente presente ma non riesco a “focalizzare” – lo noto di più durante momenti in cui è richiesta massima attenzione e concentrazione. Ho problemi di memoria- non riesco a ricordare cosa abbiamo trattato il giorno prima a lezione.
Da 6 mesi ho più volte al giorno crampi muscolari.
Da sempre sono molto sensibile al freddo, problemi di stitichezza e perciò non so se considerarli o meno come sintomi.
Faccio molta attenzione alla dieta: oltre ai problemi di peso se non mangio “sano e bene” mi stanco ancora di più – molta frutta e verdura, pesce, carne bianca, non adoro la carne rossa ma a volte mi sforzo; carboidrati complessi. Nei momenti di studio elevati prendevo compresse con gli omega 3 e 6 .
Fatti i conti mangio 1000 – 1200kcal/ di. Non pratico lo sport seriamente e con frequenza (sfortunatamente non trovo il tempo).
Pensavo che l’aumento di peso fosse dovuto a pillole anticoncezionali – Yasminelle (la mia ginecologa si diverte a cambiarmele spesso). Ho fatto la pausa di 6 mesi, ma in questo tempo non è migliorato nulla.
Da 3 mesi ho notato capelli secchi e deboli, si formano i nodi – non ho mai avuto problemi del genere.

In ottobre 2008 ho fatto analisi di routine del sangue, riporto principali valori:
eritrociti 4, 68 10^6/mmc( range 4.20 – 5.40); HGB – Emoglobina 12,9 g/dL (12.0 – 15.0); ematocrito 35,9 < % (37.0 – 47.0), volume corpuscolare medio 76,7< fL (80,0 – 96.0), MCH 27.7 pg (27.0 – 31.0); MCHC 36,1 g/dL (33.0 – 37.0) RDW 11.6 %(11.5 – 14.5); HDW 2,8 g/dL (2.2 – 3.2)
neutrofili 40.2 % (40.0 -74.0); linfociti 48.9 > % (19.0 – 48.0)
glucosio 83 mg/dL (60 – 110)
colesterolo tot 205> mg/dL (<200) (di cui HDL 85 e LDL 94); trigliceridi 119 mg/dL ( <200)
Prot. Tot 7.6 g/dL (6.0 – 8.0); AST 14 U/L (<32); ALT 12 U/L (<31); Gamma –GT 12 U/L (5- 36)
resto nella norma
Il medico del lavoro ha concluso una lieve anemia da probabile mancanza di ferro. A me non erano chiari valori di colesterolo cosi alti.
Questa settimana il mio medico di base ha avanzato il sospetto di ipotiroidismo e ho effettuato ulteriori analisi del sangue: (devo precisare che queste analisi sono state effettuate in Slovenia)
La l'anemia si ripete, linfociti abbassati a 36, TSH nella norma 2,47 (0,46 – 4,68 mE/L).
Terapia: ferro in comprese e controllo dal neurologo per i problemi di memoria.
La sua ipotesi: stanchezza data da eccessivi sforzi oppure infiammazione della tioride “che ogni tanto ri -acutizza”.
Dimenticavo: Spesso sono esposta a raggi x con protezione non adeguata/scadente.
Voi che ne pensate?
Grazie in anticipo per la Vostra gentile risposta. Tina

[#1]  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
La tiroide, sulla base degli esami ormonali riportati, funziona perfettamente e non e' correlabile ai problemi di memoria.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
https://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#2]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
mi preoccupa innanzitutto l'ultima frase: "Spesso sono esposta a raggi x con protezione non adeguata/scadente"
Ci sono metodi per misurare l'esposizione ai raggi x, gli studenti sono considerati carne da macello? il medico del lavoro che ha detto di questo problema? e il servizio di Igiene Pubblica dell'ASL?
Per il resto, i vuoti di memoria, la difficoltà di concentrazione, l'aumento di peso, escludendo una causa organica (non ha ipotiroidismo, e anche la lieve anemia non giustifica questa sintomatologia) restano, ahimé, le cause "funzionali".
Per esempio una cattiva qualità del sonno, anche se la durata è giusta: se il sonno è superficiale, con microrisvegli, alla fine ci si alza più stanchi di quando si è andati a letto, e l'ormone che stimola l'appetito, la grelina, aumenta, mentre si riduce la leptina, l'ormone della sazietà. In più, i cattivi dormitori hanno difficoltà di concentrazione. Queste sono ipotesi, naturalmente.
Un'altra ipotesi (quasi certa)è quella che lei, assorbita da tutti questi doveri, impegni ecc non lasci spazio al tempo libero; mezz'ora-un'ora di camminata al giorno (a passo veloce, anche suddivisa in due o tre riprese), oppure 2-3 ore di palestra alla settimana non sono un'utopia.
Se no rischia che il suo corpo e la sua mente, utilizzati come una macchina da nutrire bene per ottenere risultati soddisfacenti, si ribellino manifestando sintomi, come le succede da due anni.
Cordiali saluti

Franca Scapellato

[#3] dopo  
Utente
Grazie per tutte le risposte. Volevo rispondere gia ieri, ma ho avuto problemi tecnici.

Sabato ho fatto la visita neurologica - risultato: una caduta da cavallo di circa un anno fa- dove ho battuto la testa, però alla quale non ho dato troppo peso.

Sembra sia un vecchio trauma cranico che sta pian pianino "guaredno" (il neuorlogo dice che normalmente ci mette 1- 4 anni). All'esame dei riflessi delle gambe alcuni sono risultati molto rallentati (un altra caduta - per la quale sono pure andata al pronto soccorso 3 anni fa- ma mi hanno rimandato a casa con Sirdalud e iniezioni intramusolo di ketoprofene)

E come dice Lei Dr.ssa Scapellato anche il neurologo ha notato eccessiva stanchezza (che oltra a bastare da sola) ha rallentato ulteriormente la mia guarigione.

Colesterolo- predisposizione famigliare col grande contributo dello stress.

Mi sto gia prendendo un periodo di riposo, o cmq sto tentando di rallentare i ritmi. Dedicarmi un pò di più al riposo e allo sport.

Devo fare una RM e ulteriori test per la memoria - un pò più specifici, perchè a quelli base sono andata bene anche se mi sentivo in imbarazzo perchè rispondevo con una lentezza degna di una lumaca.

Riguardo i raggi x: studio/ lavoro in una facoltà di famma internazionale ma no a quanto pare questo non è un problema che interesserebbe qualcuno. Studenti interni non siamo "ufficialmente" considerati a rischio perciò non abbiamo i misuratori.
Per dispute interne tra dipartimenti/sezioni/gruppi - anche le protezioni sono limitate/assenti.
Non mi sembra giusto, ma se mi voglio proteggere in futuro dovrò provedere da sola.

Di nuovo grazie per le risposte e il tempo dedicato

[#4] dopo  
Utente
Dr.ssa Scapellato mi perdoni- per sbaglio ho votato il suo consulto come innutile (scirvendo accanto"Grazie molto utile"). Verramente meglio che commincio a rilassarmi un pò.

[#5]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Allora auguri, per la sua salute e il suo studio.
Franca Scapellato