Utente
Buonasera ,
qualche mese fa ho sofferto di un terribile mal di testa , il giorno stesso non resistendo più dal dolore ho assunto mezza bustina di Aulin.
Il giorno dopo il mal di testa è scomparso , ma un terribile crampo lungo tutta la gamba destra mi ha mandato quasi al collasso , inizialmente mi sentivo bruciare , poi mi sono alzato in piedi e sono andato per vomitare ma è uscitta solo aria , subito dopo sono impallidito completamente e ho cominciato a provare una sensazione di freddo e a sudare .
La guardia medica ha ipotizzato una cisti .
I giorni seguenti mi sentivo come degli aghi sulle gambe , e faticavo a camminare , il medico del pronto soccorso mi dignosticato un'insufficienza venosa e mi ha consigliato di fare oltre agli esami del sangue un ECODOPLES .
Ho fatto valutare tutto al mio medico curante il quale mi ha prescritto le impegnative per gli esami .
I risultati erano tutti nella norma, l'ECODOPLES non ha focalizzato nessuna forma di insufficienza venosa.
Una volta finiti questi dolori ho cominiciato a soffrire di meteorismo e di stipsi e diarrea. Il medico curante mi ha fatto fare altri esami del sangue , esami delle feci , visita presso gastroentereologo e ecografia all'addome superiore.
Anche quuesti esami sono tutti nella norma.
Ora soffro di dolore cervicale, con irrigidamento del collo e da qualche giorno ho le vertigini e la nausea.
Possono essere legati tutti questi episodi ? Potrei prendere la tachipirina per il collo rigido e a volte dolorante?

Grazie.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
non si può stabilire se i suoi disturbi siano collegabili tra loro. Le sconsiglio di fare automedicazione con tachipirina o con qualsiasi altro farmaco.
La cosa da fare invece è una visita neurologica per valutare bene il suo problema ed eventualmente iniziare una terapia che oltre che sintomatica possa agire all'origine (qualora si trovasse) dei suoi disturbi.
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro